I Nas sequestrano 26 tonnellate di carne di cavallo

1' di lettura

L'operazione si è svolta alla Safim di None e alla Nestlè di Moretta. Entrambi gli stabilimenti si trovano in Piemonte. Intanto il ministro Balduzzi tranquillizza: "Non vi sono pericoli". Al via nei prossimi giorni la nuova anagrafe sanitaria

Su disposizione del ministero della Salute, i carabinieri del Nas hanno posto sotto sequestro 26 tonnellate di carne bovina macinata cotta e surgelata della Nestlè.
Il sequestro si è svolto presso la S.A.F.I.M. di None (TO) e nello stabilimento Nestlè di Moretta (CN).
Fino ad oggi i NAS hanno eseguito oltre 100 campioni di prodotti a base di carne bovina macinata di 60 marche diverse.

Il ministro della Salute Renato Balduzzi, in ogni caso, ribadisce che "non vi sono pericoli per la salute dei cittadini e che tutti i controlli sono stati attivati" anche con la collaborazione dei carabinieri: "Si tratta di controlli costanti. Le carni e gli allevamenti sono monitorati tutti i giorni dai tecnici del ministero, delle Regioni, delle singole Asl e dai Carabinieri del Nas".

Balduzzi firmerà nei prossimi giorni un'ordinanza per l'istituzione della nuova anagrafe sanitaria degli equidi, che prevede la notifica di tutti gli esami sanitari effettuati sui cavalli, a tutela della tracciabilità degli animali e della salute pubblica

Leggi tutto