Milano, rapina in gioielleria: banditi spaccano tutto. VIDEO

1' di lettura

Arrestate 10 persone tra i 21 e i 29 anni. In 40 secondi hanno distrutto il negozio di piazzale Corvetto, periferia della città. La polizia ha rintracciato i banditi dopo aver ritrovato un'auto con a bordo un passamontagna e un cellulare

Una rapina particolarmente cruenta, con i banditi che entrano e spaccano tutto, tra i clienti terrorizzati. E' quanto emerge dalle immagini acquisite nel corso delle indagini su un colpo in gioielleria messo a segno a Milano da un gruppo di sudamericani, cileni per la precisione. Per quell'episodio, avvenuto pochi giorni prima di Natale, la polizia ha eseguito ora 10 fermi.

Entrano e spaccano tutto - Nel video, tratto dalle telecamere di sicurezza a circuito chiuso della gioielleria, situata in piazzale Corvetto, nella zona sud della città, si vede una coppia di giovani, un ragazzo e una ragazza, entrare come finti acquirenti, per poi aprire la porta ai complici. Quindi il gruppo si mette a spaccare tutto, sia le vetrine degli espositori, sia all'esterno, con mazze, le vetrate che danno sulla strada, prima di fuggire.

Dieci arrestati - I dieci arrestati (tra cui due donne) hanno tra i 21 e i 29 anni, sono tutti irregolari e sette hanno precedenti per ricettazione e furto. In appena 40 secondi hanno distrutto tutte le vetrine interne della gioielleria 'Valentino oro' di piazzale Corvetto 7 a calci, colpi di mazzette e spranghe.
Nel negozio c'erano il titolare, la moglie, una commessa e due clienti (una delle quali, cardiopatica, ha avuto un malore). I sette hanno preso gioielli per circa 26mila euro ma nella foga ne hanno persi la metà, lasciando sul posto anche un'ascia. La fuga è stata dovuta all'intervento del proprietario, che è uscito sul balconcino interno del negozio e ha esploso 3 colpi di pistola andati a vuoto.

La polizia è riuscita a rintracciare i banditi perché ha ritrovato a poca distanza dalla gioielleria un'auto con a bordo un passamontagna e un cellulare: è stato grazie all'analisi del traffico e degli sms che hanno individuato i dieci autori il 19 dicembre in un appartamento in via Monza, a Pioltello (dove si nascondevano in 4) e in altre abitazioni limitrofe.

Leggi tutto