Processo sanità Puglia, condannati Tarantini e Frisullo

Sandro Frisullo e Gianpaolo Tarantini
1' di lettura

Quattro anni e quattro mesi per l'ex imprenditore sanitario barese e due anni e otto mesi per l'ex vicepresidente della giunta regionale pugliese. Il gup di Bari li ha riconosciuti colpevoli di associazione a delinquere, abuso d'ufficio e turbativa d'asta

L'ex vicepresidente del Pd della Regione Puglia, Sandro Frisullo, è stato condannato a 2 anni e 8 mesi con rito abbreviato. Lo ha deciso il gup di Bari che ha condannato anche l'imprenditore barese Gianpaolo Tarantini a 4 anni e 3 mesi. La sentenza riguarda una delle inchieste sulla gestione della sanità in Puglia.

Tarantini e Frisullo condannati anche per associazione a delinquere - L'ex vicepresidente del Pd della Regione Puglia, Sandro Frisullo, e l'imprenditore Gianpaolo Tarantini sono stati riconosciuti colpevoli dei reati di associazione per delinquere, turbativa d'asta e abuso d'ufficio. Sono invece stati assolti dal millantato credito e dalla corruzione "perché il fatto non sussiste".
La differenza di pena decisa dal gup di Bari Alessandra Piliego per i due imputati (2 anni e otto mesi per Frisullo, 4 anni e tre mesi per Tarantini), accusati degli stessi reati, dipende dal fatto che solo all'ex vicepresidente della Regione Puglia il giudice ha riconosciuto le attenuanti generiche. Tarantini è stato inoltre interdetto per cinque anni.

Assolto l'ex primario di Neurochirurgia - L'ex primario di neurochirurgia del 'Vito Fazzi' di Lecce, Antonio Montinaro, è stato invece assolto da tutti i reati a lui contestati: dalla corruzione "perché il fatto non sussiste", e dalla turbativa d'asta "per non aver commesso il fatto".

Due rinvii a giudizio -
Gli altri due imputati che non avevano chiesto di essere giudicati con rito alternativo, Claudio Tarantini, fratello di Gianpaolo, e Vincenzo Valente, ex direttore amministrativo dell'Asl di Lecce, sono stati rinviati a giudizio. Il processo comincerà il 7 marzo 2013 dinanzi ai giudici della seconda sezione penale del tribunale di Bari.

Leggi tutto