I marò atterrano a Ciampino, "finalmente a casa". VIDEO

1' di lettura

Il velivolo del ministero della Difesa è arrivato nello scalo con a bordo i due militari da 10 mesi prigionieri in India. "Finalmente respiriamo l'aria di casa" ha detto Latorre. Ad attenderli i familiari. Dopo le feste dovranno tornare nel Paese asiatico

L'airbus 319C-J è atterrato allo scalo romano con a bordo i due militari Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, da 10 mesi prigionieri in India. I due potranno passare le feste natalizie con i familiari in Italia, dopo la licenza dietro cauzione concessa dall'Alta corte del Kerala. Il velivolo del ministero della Difesa è atterrato alle 12.48 sulla pista dell'aeroporto militare di Ciampino.

L'abbraccio dei marò con i familiari - Ad attendere all'aeroporto i famigliari più stretti, come la sorella di Massimiliano, Franca Latorre, con la figlia maggiore del marò, Giulia (18 anni), mentre i più piccoli sono rimasti a casa con la mamma; i figli di Franca, Giovanni e Alessandra Urbinello, e un altro nipote: Christian Daddario. Per la famiglia Girone, è presente il papà, Michele, accompagnato dai figli del militare italiano, Michele (9 anni) e Martina (6 anni), la mamma, Maria Ferraro, e la moglie di Girone, Giovanna Ardito. Il gruppo, accompagnato dal Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, è stato il primo a salire sull'aereo per l'abbraccio con i militari.

Latorre: "Finalmente respiriamo l'aria di casa" - "Finalmente respiriamo l'aria di casa. Sono davvero emozionato. Faccio ancora fatica a rendermi conto che finalmente sono di nuovo a casa" ha detto Latorre non appena atterrato, visibilmente commosso. "Ringrazio - ha aggiunto - le istituzioni tutte che ci hanno permesso di fare tutto ciò. Sono passati 10 lunghissimi mesi. Credetemi non ci aspettavamo di tornare qui per Natale. Questo è potuto accadere grazie al lavoro svolto dal governo e dalle istituzioni". Qualche pausa e poi Latorre ha ripreso ricordando che l'incontro avuto dai suoi familiari con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. "Il capo dello Stato ha accolto le nostre famiglie per dar loro forza e coraggio. La stessa forza e coraggio che è stata trasmessa a noi per andare avanti".

Girone: "Abbiamo sempre avuto fiducia"
- Ringraziamenti sono arrivati anche da parte di Girone, che ha ricordato di aver "sempre avuto fiducia" nelle istituzioni italiane e indiane. "Ringraziamo il governo che sempre ci è stato vicino e non ci ha mai mollato, e questo è il risultato", ha aggiunto. E' con grande gioia", ha sottolineato, "che ringraziamo i governi italiano e indiano per la grande fiducia accordataci, che ci consente di passare il Natale con i nostri cari" .

Gli auguri di Monti e la visita al Quirinale - Dopo l'atterraggio, il Presidente del Consiglio Mario Monti ha chiamato al telefono i due marò e, dopo essersi informato delle loro condizioni di salute, ha fatto loro gli auguri di buone feste e ha ribadito l'impegno del governo per una definitiva soluzione del caso. Nel pomeriggio, prima di tornare nelle rispettive città in Puglia, Latorre e Girone sono stati al Quirinale per un saluto al capo dello Stato Giorgio Napolitano.

Leggi tutto