Cieco per l'Inps, firmava e leggeva atti e documenti

1' di lettura

La Guardia di Finanza di Seregno ha smascherato un 41enne con piccoli precedenti penali che dal 2000 ha percepito 162mila euro di pensione di invalidità

Per 12 anni si è finto cieco e quindi invalido al cento per cento percependo una regolare pensione. Ma la Guardia di Finanza del gruppo di Seregno su coordinamento della procura di Monza, è riuscita a smascherarlo.
L'uomo, un 41enne con piccoli precedenti penali, dal 2000 aveva ottenuto il riconoscimento dell'invalidità per cecità assoluta. Il presunto truffatore, che grazie all'invalidità simulata ha percepito 162 mila euro di pensione, è stato denunciato alla procura della repubblica di Monza ed è stato disposto il sequestro di suoi beni per un valore corrispondente al danno recato allo Stato.

I militari lo hanno seguito e filmato per qualche giorno ed hanno così scoperto che quella che doveva essere una persona totalmente cieca, in realtà era in grado in piena autonomia, di passeggiare tranquillamente per le vie cittadine, di attraversare senza indugio gli incroci stradali e di districarsi agevolmente tra le auto in sosta, ma anche di apporre, senza particolari problemi, la propria firma su atti e documenti.
Alcune riprese dei finanzieri lo hanno immortalato mentre era intento a mostrare ad alcune persone una macchina in vendita, in modo assolutamente naturale e disinvolto. Il pubblico ministero ha disposto nei confronti dell'indagato una visita medico-legale che ha sconfessato il suo status di cieco assoluto.

Leggi tutto