Sciopero della fame per 50 malati di Sla

1' di lettura

Disabili affetti da patologie neurodegenerative progressive protestano contro la scarsa attenzione del governo verso la loro condizione di malati gravi, bisognosi di assistenza 24 ore su 24

Sono affetti da patologie neurodegenerative progressive. Sono malati di Sla (Sclerosi Laterale amiotrofica), distrofia muscolare e sclerosi multipla e hanno deciso di iniziare lo sciopero della fame. Protestano contro il mancato varo del piano nazionale per la non autosufficienza. La protesta, indetta dal Comitato 16 Novembre onlus, è iniziata domenica 22 ottobre. Sono già 50 i disabili che hanno aderito

Sciopero della fame per 50 malati di Sla - "Il governo ha destinato parte dei 658 milioni della legge sulla spending review alla non autosufficienza ma ancora non c'è un piano per la destinazione delle risorse" spiega Mariangela Lamanna, presidente del Comitato 16 novembre onlus. "Lo sciopero della fame consiste in una progressiva riduzione degli alimenti. Si tratta - spiega Lamanna - di malati gravissimi, quasi tutti tracheotomizzati e allettati, tutti bisognosi di assistenza continua e vigile h24. Un'assistenza costosissima, in quanto ogni malato e' attaccato a dei macchinari, ad esempio respiratori, che devono essere disponili in misura doppia, perché se uno si ferma l'altro deve essere subito pronto".

Serve un piano nazionale per la non autosufficienza
- Il comitato 16 ottobre ha più volte sollecitato un piano per la assistenza ai non autosufficienti, le cui competenze sono divise tra i ministeri dell'Economia, del Lavoro e della Salute. " Abbiamo chiesto un incontro con tutti e tre i ministri, Fornero, Grilli e Balduzzi - spiega Lamanna -proprio per dire basta al palleggiamento delle responsabilità e delle competenze. I malati e le famiglie non possono più aspettare, l'assistenza ha dei costi altissimi".

Assistenza dei malati a domicilio - Il comitato 16 novembre ha presentato il progetto 'Restare a Casa' che consiste nell'assistere al proprio domicilio i malati di questa patologie facendoli rimanere nel loro ambiente familiare ma dotandoli di tutti gli strumenti e i macchinari necessari alla sopravvivenza. Per far questo è stato richiesto da parte dello Stato un contributo di 20mila euro l'anno ad ogni famiglia dove risiede un malato grave. L'elenco dei malati che partecipano allo sciopero della fame è consultabile sul gruppo Facebook Comitato 16 novembre.

Leggi tutto