Napoli, prefetto sgrida il prete antirifiuti. VIDEO

1' di lettura

Polemiche su Andrea De Martino, rappresentante del governo nel capoluogo campano. In un incontro sui roghi tossici ha bacchettato don Maurizio Patriciello perché si è rivolto alla collega di Caserta chiamandola solo "signora" e non "signor prefetto"

Prefetto rimprovera duramente parroco e finisce sulla rete. Nel corso di una riunione a Napoli - presenti, tra gli altri, venti sindaci, i vertici delle forze dell'ordine, rappresentanti di Regione, Provincia, Asl ed esponenti di comitati - sull'emergenza dei roghi tossici di rifiuti nel Napoletano e nei comuni di Terra di Lavoro don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano, si è rivolto al prefetto di Caserta, Carmela Pagano, chiamandola solo "signora" e non "signor prefetto" ma viene "bacchettato" dal prefetto di Napoli, Andrea De Martino.

La vicenda però non è paSsata inosservata ed il filmato è finito in rete. Tantissimi i commenti, anche sulle prime pagine di alcuni giornali (LA RASSEGNA STAMPA). Anche Roberto Saviano è intervenuto chiedendo al prefetto di scusarsi col sacerdote "bisognerà chiedere le sue dimissioni immediate".

Il fatto l'altro giorno. In prefettura si parla di rifiuti e don Patriciello prende la parola per raccontare che, qualche giorno prima, si è recato dal prefetto di Caserta Carmela Pagano per segnalare la presenza di amianto in una campagna. "La signora - dice - è stata così gentile da ricevermi".

All'improvviso però De Martino, seduto accanto al prefetto di Caserta, alza gli occhi e sbotta rimproverando duramente il parroco, invitandolo ad aver rispetto delle istituzioni. Il prete sussurra qualche parola, si scusa con il prefetto di Caserta ma non si arrende e va avanti nella sua denuncia.

Il prefetto di Napoli, in una nota, 48 ore dopo, definisce quanto accaduto come "un incidente di lavoro davvero spiacevole - lo riconosco - chiusosi però sul momento e suggellato ieri a Cardito, in occasione del del funerale della giovane vittima Pasquale Romano, quando intravisto don Patriciello di spalle, l'ho avvicinato facendogli una carezza sulla nuca".

Il sacerdote, molto impegnato nella difesa dell'ambiente, sentito dall'Ansa prova quasi imbarazzo a parlare della questione dicendosi, invece, particolarmente preoccupato per i crimini ambientali che si consumano nella cosiddetta "terra dei fuochi".

Solo nell'ultimo anno sono state controllate oltre 3500 persone ed 800 quelle che sono state denunciate o arrestate. "Se questo 'incidente' però è servito a far accendere ancora di più i riflettori sull'emergenza ambientale in provincia di Napoli - dice ancora il prete - per me non c'è alcun problema".  Il sacerdote tiene a chiarire che non era sua "intenzione di mancare di rispetto al prefetto di Caserta chiamandola solo signora e non 'signor prefetto'. Non mi sarei mai permesso".

Leggi tutto