Fondi Regione Lazio, indagato per peculato capogruppo Idv

1' di lettura

Vincenzo Salvatore Maruccio secondo l’accusa si sarebbe appropriato di 700mila euro destinati al partito. La difesa: "Usati solo per attività politica". Di Pietro: "Si è dimesso da ogni incarico". Intanto il Riesame conferma: Fiorito resta in carcere

Nuove perquisizioni nella sede della Regione Lazio. E nuovi indagati. Mentre arriva la decisione del Tribunale del Riesame sulla richiesta di scarcerazione presentata dai legali dell'ex capogruppo del Pdl alla Regione Lazio Fiorito, respinta, un nuovo scandalo sull’uso dei fondi dei partiti ha portato all’iscrizione nel registro degli indagati il capogruppo dell'Idv Vincenzo Salvatore Maruccio. Maruccio è accusato di peculato. Secondo quanto si apprende gli vengono contestati assegni, prelievi in contanti e bonifici dai conti del gruppo in suo favore senza motivazioni o con motivazioni generiche.
Subito dopo l'iscrizione nel registro degli indagati, Maruccio si è dimesso "dal partito, da coordinatore regionale dell'Idv, dal suo ruolo di capogruppo e soprattutto da consigliere regionale", come ha annunciato il leader Antonio Di Pietro. "Gli avevamo dato tre ore di tempo per farlo. La magistratura svolga il suo compito. Questa è la risposta che la politica deve dare. Ci auguriamo che i partiti facciano così dopo quello che è accaduto in Lombardia e a Reggio Calabria" (qui il video in cui di Di Pietro commenta le vicende giudiziarie).
"Non ho nulla da nascondere, chiarirò ogni cosa", ha detto Maruccio, "Le risorse del gruppo sono state utilizzate da me solo per fare attivita' politica".

L'inchiesta sarebbe scattata in seguito ad una segnalazione di movimenti bancari sospetti inviata dalla Banca d'Italia alla Guardia di Finanza. La Procura di Roma ha così disposto le perquisizioni nei confronti dell'esponente dell'Idv - l'unico ad avere accesso ai conti del gruppo - che sono state eseguite oltre che nelle sue abitazioni a Roma e negli uffici della Pisana, anche a Maierato, in Calabria. Per l’accusa il capogruppo dell'Idv alla Regione Lazio si sarebbe appropriato di 500 mila euro dei fondi destinati al partito. Secondo quanto accertato dai pm di Roma, il politico si sarebbe girato il denaro su propri conti in Italia. Oltre ai 500 mila euro in bonifici l'attività di indagine della procura di Roma su Vincenzo Salvatore Maruccio riguarda anche altri 200 mila euro che sarebbero stati prelevati dai due conti correnti regionali dell'Idv nell'ultimo anno. In totale quindi l'esponente dell'Italia dei valori si sarebbe appropriato di 700 mila euro. I bonifici sarebbero stati effettuati negli ultimi due anni.

Un'indagine parallela della procura romana ha già portato all'arresto dell'ex capogruppo del Pdl alla Regione Franco Fiorito, ora in carcere con l'accusa di peculato, causando un terremoto politico che ha portato alle dimissioni del governatore della Regione Renata Polverini. Fiorito è accusato di essersi appropriato di un milione e 380 mila euro dei fondi destinati al Pdl al Consiglio regionale del Lazio. Nell'interrogatorio di garanzia Franco Fiorito ha esplicitamente detto che il sistema della "spartizione riguardava tutti", precisando anche che il lievitare degli emolumenti in base al cumulo delle cariche - ritenuto illegittimo dagli inquirenti- "era prassi anche negli altri gruppi".

Leggi tutto