Scuola, cortei in tutta Italia: scontri con la polizia

1' di lettura

In diverse città manifestazioni degli studenti contro tagli e sprechi. Tensioni a Roma, dove sono rimasti feriti 6 agenti, e traffico in tilt a Milano. A Torino alcuni giovani sono rimasti contusi. In quindici sono stati identificati. FOTO E VIDEO

Momenti di tensione e scontri con le forze dell'ordine in diverse città italiane per la prima grande manifestazione studentesca del nuovo anno scolastico (foto). Nel mirino della protesta, il governo, i tagli all'istruzione e la crisi economica.
A Roma (foto), un migliaio di ragazzi sono riusciti a raggiungere la sede del ministero dell'Istruzione in viale Trastevere scandendo slogan contro Monti e contro "la scuola di classe" ma quando, a Porta Portese, hanno cercato di sfondare il cordone di polizia che chiudeva l'accesso a via Portuense sono stati respinti con alcune cariche di contenimento: quattro poliziotti (tra cui un funzionario) sono rimasti contusi in modo lieve mentre un quindicenne del liceo "Virgilio" è stato fermato dalla Digos, identificato e riaffidato ai genitori. Sequestrati due scudi in plexiglass, pietre e bastoni.
A Torino (foto) hanno sfilato in circa 500, raccolti dietro lo striscione "Contro crisi e austerità riprendiamoci scuola e citta'": tafferugli si sono registrati quando i ragazzi, dopo un lancio di uova e bottiglie, hanno deviato dal percorso iniziale e sono stati dispersi dalla polizia in via XX Settembre. Una quindicina di loro sono stati fermati mentre una trentina avrebbero riportato contusioni (almeno due quelli medicati in ospedale).
A Milano (foto) il corteo dei liceali ha mandato il traffico in tilt: i problemi maggiori si sono avuti quando uno dei due tronconi ha "puntato" il palazzo della Regione ed è stato arginato dalla polizia. Una decina i feriti.
Tra i motivi della manifestazione, la difesa della "scuola pubblica, gratuita e accessibile a tutti indipendentemente dal reddito" e la protesta contro "il governo Monti e l'Unione Europea". 

Qui di seguito la cronaca della giornata:

17.33 Profumo: “Dissenso più forte senza violenza” - "Le posizioni di chi manifesta il proprio dissenso sono tanto più forti quando non sono accompagnate dalla violenza contro cose o persone ma sono capaci di incanalarsi in una proposta". Così il ministro dell'Istruzione, Francesco Profumo, commenta le manifestazioni studentesche di oggi, sfociate in disordini e tafferugli .

14.30 Sono 6 i poliziotti feriti a Roma - Sono sei in tutto i poliziotti rimasti contusi a seguito degli scontri avvenuti con gli studenti nei pressi di Porta Portese. Tra i feriti anche un funzionario di Polizia. Intanto gli agenti della Digos, insieme alla Polizia scientifica, stanno esaminando i filmati degli scontri per individuare i responsabili dei lanci di sassi, bottiglie e oggetti metallici contro le Forze dell'Ordine.

14.01 La ricostruzione della questura di Roma -
"Gli studenti si sono radunati senza preavviso, alcuni si sono presentati con caschi e bastoni. Nonostante ciò i responsabili dell'ordine pubblico hanno cercato di mediare. A Porta Portese, quando i manifestanti hanno visto che lo sbarrimento era meno consistente, hanno cominciato a lanciare pietre e oggetti". A riferirlo è la Questura di Roma nella sua ricostruzione, nella quale rende noto di aver fermato un quindicenne.

13.52 Terminato il corteo a Roma -
E' terminato in piazzale dei Partigiani il corteo degli studenti dei licei romani che questa mattina hanno manifestato nel centro della città. Dopo alcuni momenti di tensione, con tafferugli e cariche delle forze dell'ordine, a Porta Portese, i manifestanti hanno sfilato per via Marmorata per poi fermarsi davanti alla fermata della stazione metro Piramide, dove hanno gettato un fumogeno in un cestino di ghisa per l'immondizia.

13.50 Disagi a Firenze e a Livorno -
Si sono svolte anche nelle principali città della Toscana le manifestazioni studentesche contro i tagli alla scuola. A Livorno un corteo di circa 500 persone ha attraversato le strade della città; alcuni manifestanti hanno lanciato uova e fumogeni contro le sedi delle banche, chiudendole simbolicamente con del nastro adesivo. A Firenze i manifestanti erano circa 2.000 e si sono registrati disagi per il traffico per tutta la mattinata. A Pisa circa 200 studenti hanno tentato di entrare nella sede del Comune ma sono stati respinti dalle forze dell'ordine. In alcuni cortei accanto agli studenti hanno sfilato anche lavoratori di aziende in crisi.

13.45 A Roma polizia sequestra scudi plexiglass -
La Digos di Roma sta identificando alcuni studenti, promotori della manifestazione non autorizzata. Sono stati anche sequestrati alcuni oggetti lanciati e utilizzati dagli studenti al momento delle tensioni, come diversi scudi di plexiglass.

13.40 Tafferugli anche a Bologna -
Lanci di uova, vernice e petardi, contro le banche e una bandiera della Bnl incendiata: è la protesta degli studenti andata in scena a Bologna contro i tagli nella scuola e le riforme del Governo Monti. "Contro crisi e austerità riprendiamoci scuole e città", lo striscione in testa a un nutrito corteo (circa un migliaio studenti) che ha sfilato, in mattinata, per le vie del centro causando non pochi disagi al traffico cittadino. Durante il percorso, utilizzando una scala, un manifestante con il viso coperto da una maschera ha strappato la bandiera appesa sulla sede del consolato greco bersagliato con gavettoni di vernice come è avvenuto per le diverse filiali degli istituti di credito incrociate lungo il tragitto. La manifestazione si e' conclusa con una bandiera della Bnl, presa dalla sede di via Rizzoli, data alle fiamme. Il corteo si è sciolto in piazza San Francesco.

13.30 Una trentina di contusi a Torino -
Secondo quanto rifericono fonti del 'Kollettivo' studenti medi autorganizzati, durante gli scontri con le forze dell'ordine sarebbero rimasti a terra contusi una trentina di manifestanti. In particolare, viene ancora riferito, due ragazzi sono rimasti feriti e trasferiti in ospedale: una giovane di 19 anni e uno studente di 16 anni, feriti alla testa.

13.20 "Studenti trascinati e picchiati" -
Trascinati per terra, picchiati e minacciati con un manganello puntato alla gola. A denunciare quanto accaduto questa mattina durante i tafferugli con le forze dell'ordine a Porta Portese sono gli stessi studenti che stanno ancora manifestando nella capitale.

13.15 Quattro agenti feriti -
E' di quattro poliziotti feriti, tra cui un funzionario, il bilancio degli scontri avvenuti all'altezza di piazzale Portuense a Roma nel corso del corteo degli studenti. I quattro poliziotti sono stati medicati per leggere contusioni. Gli incidenti si sono verificati quando un gruppo di ragazzi ha tentato di sfondare uno sbarramento di agenti per deviare il percorso e questi ultimi hanno effettuato una carica di 'contenimento' dopo che era iniziato un lancio di pietre da parte dei ragazzi. Gli agenti della Digos hanno fermato un quindicenne, gia' identificato e riaffidato ai genitori, e hanno sequestrato anche due scudi in plexiglass utilizzati dai ragazzi oltre a pietre e bastoni.

13.05 Momenti di tensione a Milano -
Qualche momento di tensione al corteo degli studenti milanesi che si è diretto verso Palazzo Lombardia. Qui, all'altezza di Melchiorre Gioia, sono stati lanciati due fumogeni e lanciate uova. "Nessuna carica" da parte della Polizia, spiegano dalla Centrale, soltanto "un accenno di alleggerimento" quando gli studenti hanno cercato di forzare il cordone degli agenti. "Non ci sono stati feriti ne' sono state inferte manganellate", assicura la Polizia. Queste le immagini disponibili sul sito di Youreporter.




12.42 Situazione più tranquilla a Roma -
Il corteo degli studenti dei licei romani si sta dirigendo verso via Marmorata partendo da Porta Portese. La situazione, dopo diversi momenti di tensione (guarda il video qui sotto tratto da Youreporter) sembra essersi calmata dopo gli scontri avvenuti all'inizio di via Portuense con le forze di polizia.




12.34 Le manifestazioni a Firenze - Manifestazioni sono in corso in quasi tutte le città toscane: a sfilare gli studenti delle superiori. Lancio di uova contro alcune banche e qualche fumogeno a Livorno dove circa 500 studenti hanno protestato contro i tagli alla scuola e gli sprechi della politica. Alcune filiali di banche sono state 'chiuse' simbolicamente con del nastro da cantiere. Problemi di traffico a Firenze, circa 2000 in corteo, mentre a Pisa le forze dell'ordine hanno respinto 200 studenti che volevano entrare in Comune. Dopo alcuni minuti i manifestanti hanno ripreso a sfilare lungo le principali vie del centro senza disordini. Presidi delle forze dell'ordine sono stati predisposti a Firenze nei così detti 'obiettivi sensibili', tra cui il cantiere Tav di Campo di Marte. Alla manifestazione si è unito anche un gruppo di una ventina di lavoratori Ataf con lo striscione 'Cobas'. A Livorno con gli studenti hanno invece sfilato alcuni comitati dei lavoratori precari e degli sfrattati.

11.50 Esplosi petardi a Napoli - Alcuni grossi petardi sono stati fatti esplodere durante il corteo degli Studenti Autorganizzati della Campania in corso a Napoli. In piazza circa 4-500 giovani, tra cui studenti delle scuole medie superiori di Napoli e provincia. Urlati slogan contro la riforma della scuola. Corteo degli Studenti Autorganizzati della Campania a Napoli per protestare contro la riforma del settore Scuola. Il corteo saluterà la nave 'Estelle' di Freedom Flotilla, ora a Napoli, e diretta a Gaza nel tentativo di rompere l'embargo.

11.20 Torino, uova e fumogeni contro il Miur -
Alcuni delle centinaia di studenti che stamattina stanno manifestando in corteo a Torino contro i tagli all'istruzione pubblica hanno effettuato un lancio di fumogeni e di uova contro la sede locale del Ministero per l'Istruzione, l'Università e la Ricerca. I fumogeni sono stati immediatamente rimossi dalla polizia, che ha fatto in modo che non si verificasse alcun danno alla struttura. Gli uffici del Miur erano chiusi. Il corteo è poi proseguito per le vie del centro.

10.00 Manifestazioni in tutta Italia - Manifestazioni in corso in tutte le principali città italiane. Le proteste più rilevanti a Roma (video), Torino e Milano (video).

Leggi tutto