Sulcis, parla il minatore che si è ferito: "Io, esasperato"

1' di lettura

Meletti, l'operaio che si è tagliato a un polso con un coltellino, a SkyTG24: "Difficile spiegarlo ai miei figli. Il sottosegretario deve darci risposte". Intanto la protesta a Nuraxi Figus continua. Garanzie da Roma: "La miniera non chiuderà a dicembre"

Stafano Meletti, il minatore che con un gesto dimostrativo si è ferito al braccio con un coltellino (VIDEO), parla ai microfoni di SkyTG24. "La mia iniziativa ha fatto impressione. Mio figlio ha visto le immagini ed è stato difficile spiegarglielo. Come può un padre far capire a un bambino un azione così violenta?". Ma Meletti, che fa parte della Rsu Carbosulcis, non è pentito: "Sono deciso, questo è il mio futuro. E il mio gesto è quello di un padre esasperato che darebbe la vita per i propri figli".

Passera garantisce per Carbosulcis - E nella serata di venerdì 31 sono arrivate buone notizie per i lavoratori. La miniera infatti "non subirà la paventata interruzione dell'attività al 31 dicembre". E' l'esito dell'incontro in cui si è anche deciso di rivedere il progetto carbone pulito "per aggiornarlo e renderlo compatibile con le migliori tecnologie ed economicamente sostenibile". La riunione presieduta dal ministro Corrado Passera, ha stabilito di "proporre al Parlamento la proroga della scadenza prevista dalla legge 99/2009 per il bando di affidamento della relativa concessione".

Leggi tutto