Friuli, rave party di Ferragosto: muore un 26enne

1' di lettura

Il giovane è stato colto da un malore durante una festa illegale organizzata sul greto del fiume Tagliamento. Inutili i soccorsi. Il ragazzo è deceduto per un arresto cardiaco. Probabilmente aveva assunto un mix di alcol e droghe

Era un piccolo rave party, non autorizzato, organizzato in occasione della festa di Ferragosto sul greto del fiume Tagliamento quello nel corso del quale è morto per un arresto cardiocircolatorio un giovane di 26 anni, M.G., di Azzano Decimo (Pordenone). Lo hanno stabilito i carabinieri di Codroipo, intervenuti sul posto, i quali avrebbero accertato che la vittima ha assunto un mix di alcol e droghe e che questo potrebbe essere stata la causa della morte. Il giovane, un operaio, è stato colto da malore poco prima delle 19 del 15 agosto e inutili sono stati i soccorsi dei sanitari del 118, giunti subito sul posto. I carabinieri stanno indagando per risalire agli spacciatori della sostanza stupefacente.

Sempre nella giornata di Ferragosto un altro ragazzo di 20 anni è deceduto a Porto Ferro, vicino ad Alghero. Era con un gruppo di giovani in spiaggia quando, per cause ancora da accertare, si è sentito male. Gli amici, allarmati, hanno avvertito il 118. E' intervenuta un'equipe di sanitari che non sono però riusciti a salvargli la vita. In un primo momento si era diffusa la notizia che il giovane stesse partecipando a un "rave party" ma la circostanza è stata smentita dalle forze dell'ordine. Il giovane aveva trascorso una serata con dj organizzata in un bar sulla spiaggia da una cooperativa.

Leggi tutto