Windjet non decolla più, caos negli aeroporti siciliani

1' di lettura

Continuano i disagi per i passeggeri dopo lo stop ai voli. Il sindaco di Catania convoca i vertici della Compagnia. Le tariffe per partire con Alitalia sono di 75 euro per le destinazioni nazionali, 250 per la Russia e 150 per le altre mete europee

Continuano i disagi per i passeggeri che sarebbero dovuti partire con voli della Windjet, dopo l'autosospensione decisa sabato scorso dalla compagnia low cost sull’orlo della bancarotta. L'Enac ha attivato il numero verde 800898121 e sul sito dell'ente è possibile trovare un elenco dei voli sostitutivi previsti per oggi lunedì 13 agosto. (Vai al pdf) I disagi riguardano in particolare la Sicilia. E mentre centinaia di passeggeri attendono nello scalo catanese di Fontanarossa di imbarcarsi su altri voli è in atto una protesta dei dipendenti della compagnia (GUARDA IL VIDEO).
"Spero che i lavoratori Windjet, che hanno tutti i diritti di protestare per la loro situazione, in questo momento non creino ulteriori disagi ai passeggeri che già patiscono enormi disagi" ha affermato il presidente dell'Enac Vito Riggio che sta seguendo la vicenda WindJet e le ripercussioni dell'annullamento dei voli nei vari aeroporti.

Caos a Catania e Palermo -
Intanto, come previsto dal programma di soccorso ai passeggeri di WindJet, Alitalia ha effettuato voli speciali su cui hanno trovato posto 2.800 clienti della compagnia catanese. Fino alla tarda mattinata di lunedì 13 agosto Alitalia ha riprotetto, in totale, 5.800 viaggiatori di WindJet.

Tariffe agevolate - Presentando un biglietto aereo della compagnia WindJet (o ricevuta di biglietto elettronico), emesso prima del 10 agosto, i viaggiatori potranno acquistare fino al 31 agosto un biglietto Alitalia o Air One a prezzi fissi e dedicati per volare entro e non oltre il 31 agosto. Queste le tariffe:
75 euro a tratta (tasse e diritti di emissione inclusi), per i collegamenti nazionali diretti (tariffa più bassa rispetto a quella di 80 euro, tasse incluse, indicata dall'Enac); 150 euro a tratta (tasse e diritti di emissione inclusi), per i collegamenti internazionali da e per Barcellona; 250 euro a tratta (tasse e diritti di emissione inclusi), per i collegamenti internazionali da e per Mosca e san Pietroburgo. I biglietti a queste tariffe fisse vengono offerti fino all'ultimo posto disponibile sugli aerei e possono essere acquistati chiamando il numero dedicato 06.65859030 oppure recandosi presso le biglietterie Alitalia presenti negli scali.

Riggio: "A rischio tutta l'aviazione italiana" -
E il presidente dell'Enac Vito Riggio lancia l'avvertimento: "Qui non è questione di Windjet o di Alitalia. Qui è l'intero sistema dell'aviazione italiana che è a rischio scomparsa", ha dichiarato in un'intervista al Messaggero. "Le nostre compagnie sono strette dalla pressione competitiva che viene dalle low cost irlandesi e inglesi (che non pagano lo stesso volume di tasse che paghiamo in Italia) e da quelle dei Paesi arabi che non pagano il petrolio". L'unica cosa da fare, secondo Riggio, "è migliorare l'efficienza dei servizi e cercare di essere rigorosi".

Il sindaco di Catania convoca i vertici della compagnia
- Per martedì 14 agosto, intanto, è previsto l'incontro del ministro Passera con le parti per capire se esiste un margine per riaprire la trattativa. Lunedì 13, invece, il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli ha convocato una riunione d'urgenza a Palazzo degli elefanti con il presidente della Sac Gaetano Mancini, l'amministratore delegato di Wind Jet Stefano Rantuccio, l'assessore regionale ai trasporti Andrea Vecchio, il rappresentante Enac nello scalo di Catania Vincenzo Fusco e una rappresentanza dei lavoratori, per stabilire possibili percorsi che diano uno sbocco positivo alla vicenda anche in vista della riunione a Roma con il ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera.

Leggi tutto