Caldo e afa, il picco al Centro-Sud: 13 città a rischio

1' di lettura

Il Ministero della Salute mette in guardia: bollino rosso a Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Palermo. A Pisa salta la corrente elettrica in diverse zone a causa delle temperature torride. Allerta per gli incendi in Sicilia

L’ennesima ondata di calore che sta attraversando l’Italia (qui le previsioni) si appresta a raggiungere il picco nelle giornate di martedì 7 e mercoledì 8 agosto. Sono ben 13 le città segnalate con il bollino rosso, massima allerta, dal Ministero della Salute. Si tratta di Bologna, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Latina, Messina, Napoli, Palermo, Perugia, Reggio Calabria, Rieti, Roma e Viterbo. In queste località del Centro-Sud ci potrebbero dunque essere condizioni di emergenza con possibili effetti negativi sulla salute delle persone.

Al problema del caldo si aggiunge, in alcune regioni, anche quello degli incendi. Il dipartimento di Protezione civile della Regione siciliana ha infatti emanato un avviso per il rischio di incendi e  di ondate di calore con potenziali effetti negativi della popolazione a rischio, a causa delle elevate temperature di queste ore nell'Isola. Le condizioni più critiche a Palermo (qui l'intervista al sindaco Orlando) e Messina con temperature rispettivamente di 36 e 40 gradi, e livello di attenzione 3. A Catania livello 1 con il termometro a 37 gradi. Il rischio di incendi è invece considerato alto in tutte le province, dove l'allerta è al livello di attenzione.

A Pisa invece, diverse zone della città sono rimaste senza corrente elettrica per colpa di un guasto sulla linea di media tensione provocato dal caldo. Il guasto, ha spiegato l'Enel, "è stato provocato dal passaggio di mezzi pesanti nelle ore di punta sull'asfalto reso malleabile dal caldo torrido, da cui sono scaturite sollecitazioni e pressioni sul cavo elettrico interrato di media tensione collocato a circa 1,50 metri sotto il piano stradale". Il fenomeno, ripetuto nei giorni, ha determinato "un doppio cortocircuito in entrata e in uscita sulla linea".
Tra le aree coinvolte anche l'aeroporto di Pisa, che però non ha risentito del disservizio grazie a bypass da altre linee eseguiti da Enel e a linee dedicate.

Leggi tutto