Esodo: traffico intenso, ma pochi disagi

1' di lettura

Giornata da bollino nero sulle autostrade, con 12 milioni di italiani in viaggio e temperature sopra i 40 gradi. Code sulla A22 del Brennero, tra i caselli di Bolzano sud e Rovereto nord e sulla A4. Rallentamenti anche tra Bologna e la Romagna

Nonostante il caldo record (segui le previsioni meteo), alla fine è il calendario ad avere avuto la meglio e soprattutto la voglia di staccare finalmente la spina, anche se per poco, portafogli permettendo: nel primo week-end di agosto sono oltre 12 milioni gli italiani che si sono messi in viaggio per raggiungere le agognate località di vacanza. Tanti in auto, ma anche treni e aerei sono stati presi d'assalto. Così  secondo alcune stime in 400mila lasciano Roma, 290mila Milano, 175mila Torino, 95mila Genova e 85mila Bologna. Ma, nonostante flussi di traffico intenso registrati soprattutto nel pomeriggio, tutto è filato liscio senza intoppi di rilievo (qui la mappa interattiva con la situazione del traffico).

I nodi più critici sulle strade - La circolazione, ha confermato Viabilità Italia, è stata sostenuta sull'intera rete viaria italiana ma senza situazioni di particolare disagio, anche grazie al divieto di circolazione ai mezzi pesanti in vigore fino alle 23 di sabato e dalle 7 alle 24 di domenica. Alti volumi di traffico sono stati registrati in prossimità dei confini, soprattutto verso la Slovenia e la Croazia (con circa 8 km di coda alla barriera di Trieste-Lisert), al traforo del Monte Bianco (1 ora di attesa in direzione Italia), alla Dogana di Como Brogeda verso la Svizzera e sull'A22 del Brennero. Altra notizia confortante viene dal Sud: sull'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, ha segnalato l'Anas, si sono concentrati gli spostamenti di lunga percorrenza in direzione del Cilento, della costa tirrenica del cosentino e del catanzarese e delle località turistiche del reggino e della Sicilia. I grandi volumi di traffico registrati dalle prime ore della mattina in direzione Sud, con punte massime di 4.200 veicoli l'ora nel tratto salernitano, sono stati in controtendenza con il dato nazionale e non hanno creato particolari disagi alla circolazione, grazie anche agli oltre 272 km di nuova autostrada, di cui ben 124 consecutivi da Salerno e Lagonegro con ampie carreggiate a 3 e 2 corsie per senso di marcia.

Le informazioni online - L'evoluzione della situazione in tempo reale dell'esodo su tutta la rete viaria nazionale è consultabile sul sito web Stradeanas oppure, grazie all'applicazione 'VAI', disponibile per Android, iPad e iPhone, su tutti gli smartphone e i tablet. Il servizio di infoviabilità di Anas è presente gratuitamente in "Apple store" e in "Android market - Google Play". Sulla web tv www.stradeanas.tv tutte le informazioni raccolte sono gestite in contatto diretto con il Centro di Coordinamento Nazionale in Materia di Viabilità del Dipartimento di Pubblica Sicurezza. Gli utenti hanno poi a disposizione il numero 841-148 Pronto Anas per informazioni sull'intera rete Anas e il Numero Verde Anas 800-290-092 dedicato all'A3 Salerno-Reggio Calabria attivo 24 ore su 24 per le informazioni in tempo reale sul traffico e per le richieste di assistenza e soccorso meccanico.

Presi d'assalto gli aeroporti - Famiglie e comitive hanno presso d'assalto anche gli aeroporti: da Fiumicino sono partiti e arrivati 126 mila passeggeri e domenica si arriverà a quota 138 mila. Numerosi i voli charter, diretti per lo più verso le isole greche, Mar Rosso e Baleari. Ma il clou delle partenze ha interessato anche  Torino Caselle, il Tito Minniti dello Stretto e Milano Malpensa. Nessuna attesa invece agli imbarchi a Villa San Giovanni dei traghetti diretti in Sicilia, anche se in mattinata ci sono stati tempi d'attesa fino a 30 minuti.

Lo spettro della crisi - Ma in questi tempi di crisi c’è anche chi lancia un allarme sul futuro del turismo italiano, come fa Federalberghi, che stima un calo del giro d'affari dell'estate intorno al 22% rispetto all'anno scorso. Con una frenata del 29,5% delle partenze nel solo mese di agosto e di quasi il 28% a settembre.

Leggi tutto