Pioggia e vento: l'estate va in vacanza fino al 25 luglio

Milano sotto la pioggia (Credits: Fotogramma)
1' di lettura

Temporali e raffiche di vento porteranno una drastica riduzione della temperatura su tutta la Penisola. A Trieste, la Bora soffierà fino a 80 km orari. Surfista dispersa nel lago di Como. Coldiretti: "Mezzo miliardo di danni". LE PREVISIONI

E' arrivata Circe: il vortice finlandese che porta con sé un mini-ciclone in formazione sul Tirreno. Piogge e temporali fino a mercoledì 25 luglio e ritorno del caldo nel prossimo weekend (qui tutte le previsioni).

I nubifragi che già nelle scorse ore hanno colpito il veronese, il Milanese (le foto) e l'Emilia occidentale, sono solo un assaggio di quel che sarà il nucleo di aria fresca che piomberà nel Bacino del Mediterraneo nelle prossime ore, provocando una rottura temporanea dell'estate.
La parte più avanzata di Circe ha raggiunto le regioni adriatiche dove soffia una forte Bora, anche fino a 80km/h a Trieste, e sono in corso i primi temporali sulle Marche. Le temperature sono già crollate al Nord e stanno per scendere sulle regioni adriatiche, mentre al sud e sulla Sicilia fa ancora caldo, ma solo per poco.

Surfista dispersa nel lago di Como - Una surfista olandese è dispersa sul lago di Como, investito nel pomeriggio da forte raffiche di vento. La donna poco prima di sparire è riuscita a mettere in salvo la figlia, una ragazzina minorenne. Numerose richieste di soccorso, in seguito alla burrasca, sono arrivate inoltre da diverse località del lago.

I danni all'agricoltura - Intanto, secondo la Coldiretti, l'estate "pazza" ha provocato fino ad ora almeno mezzo miliardo di danni alle coltivazioni agricole, per effetto del caldo e della siccità ma anche delle grandinate che 'a macchia di leopardo' hanno distrutto le coltivazioni agricole.  Secondo Coldiretti, l'andamento climatico di questi giorni conferma l'anomalia di un 2012 segnato da neve, siccità, pioggia, caldo ed ora temporali e grandine che hanno messo a dura prova le campagne. "Una situazione frutto dei cambiamenti climatici in atto che - conclude la Coldiretti - si manifestano in Italia con una "maggiore frequenza degli eventi estremi", "sfasamenti stagionali" e un cambiamento nella "distribuzione delle piogge".

Leggi tutto