Caso Lusi, i pm: "Nessuna indagine su Rutelli e Bianco"

1' di lettura

L'ex tesoriere della Margherita, attualmente in carcere per aver sottratto, secondo gli inquirenti, circa 25 milioni dalle casse del partito, aveva lanciato accuse contro i due esponenti politici. I magistrati lo indagheranno anche per calunnia

La procura di Roma non procederà nei confronti degli ex esponenti della Margherita, Francesco Rutelli e Enzo Bianco, in relazione a quanto affermato in sede di interrogatorio dall'ex tesoriere del partito Luigi Lusi, indagato per l'illecita appropriazione di 25 milioni di euro.
Lusi aveva parlato di investimenti per conto dei rutelliani, garantiti attraverso "un patto fiduciario" tra l'ex segretario e la corrente rutelliana.

I pm indagheranno Lusi per calunnia -
I pm indagheranno, invece, l'ex tesoriere, per calunnia in relazione alle accuse mosse, dopo il suo arresto, contro Francesco Rutelli. La decisione di indagare il senatore Luigi Lusi anche per il reato di calunnia è avvenuta sabato 14 al termine di una riunione che si è svolta negli uffici della Procura di Roma, con il procuratore aggiunto Alberto Caperna. Nei giorni scorsi lo stesso Francesco Rutelli aveva presentato un esposto in Procura denunciando Lusi per le affermazioni che aveva fatto nel corso del suo interrogatorio, quando aveva sostenuto che c'era un patto con la corrente rutelliana per la spartizione dei soldi della ex Margherita. Luigi Lusi è in carcere per rispondere dell'ammanco di circa 25 milioni di euro dalle casse dell'ex partito.

Leggi tutto