Spari durante i festeggiamenti per l’Italia: grave bambina

1' di lettura

La vittima, di 10 anni, era in auto con i genitori e la sorellina a Monte Olimpino, frazione di Como, quando un proiettile vagante ha sfondato il finestrino ferendola gravemente. Trasferita a Milano, è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico

Tragedia durante i festeggiamenti per la vittoria dell’Italia contro la Germania nella semifinale di Euro 2012. Una bambina di 10 anni è stata raggiunta da un colpo di pistola o di fucile sparato nella notte di giovedì 28 giugno mentre era in auto con i genitori a Monte Olimpino, frazione di Como. La ragazzina, trasferita all’ospedale Sacco di Milano, sarà sottoposta a un delicato intervento per estrarre il proiettile, che ha sfiorato la colonna vertebrale. 
L’incidente si è verificato poco dopo la mezzanotte. La ragazzina era in auto con i genitori e la sorellina. Improvvisamente il padre e la madre hanno sentito il rumore di vetri infranti e poi l'urlo di dolore della figlia. Si sono girati subito e hanno visto il lunotto posteriore infranto.

Il proiettile è penetrato nella spalla della ragazzina tra l'omero e la scapola. La bambina è stata subito portata all'ospedale di Como, quindi trasferita all'ospedale dei bambini Vittore Buzzi di Milano. Nella serata di venerdì 29 giugno è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico.

I carabinieri sono alla ricerca della persona che ha sparato il colpo. Su un muretto sono stati trovati dei segni che farebbero propendere per l'ipotesi della fucilata.
Nella mattinata di venerdì i carabinieri hanno compiuto un nuovo sopralluogo in via Bellinzona, all'altezza con l'intersezione con via Orelli, e hanno raccolto le testimonianze dei residenti.
I militari hanno POI recuperato numerosi filmati realizzati durante il “carosello” di auto dei tifosi che si trovavano nella zona. Video amatoriali girati in prevalenza con dei videofonini. La speranza è che dalle immagini si riesca a focalizzare elementi che possano portare ad una rapida identificazione di chi ha impugnato l'arma.

Leggi tutto