Mediaset, il pm: condannare Berlusconi a 3 anni e 8 mesi

1' di lettura

L'ex premier è accusato di frode fiscale nel processo sulle presunte irregolarità nella compravendita di diritti tv. "Sui fondi neri ci sono le sue impronte digitali” ha detto il magistrato. Il leader Pdl: "Quella della Procura è una richiesta assurda"

Il pm Fabio De Pasquale, al termine della sua requisitoria al processo sulle presunte irregolarità nella compravendita di diritti tv e cinematografici da parte di Mediaset in corso a Milano, ha chiesto la condanna dell'ex-premier Silvio Berlusconi a 3 anni e 8 mesi di reclusione. Il magistrato ha inoltre chiesto di condannare il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri a 3 anni e 4 mesi di carcere. Entrambi sono imputati di frode fiscale.
Il pm, a conclusione del suo intervento, ha detto che sui "fondi neri ci sono le impronte digitali di Silvio Berlusconi".

Diritti tv - Il processo ha per oggetto la compravendita dei diritti televisivi e cinematografici con società Usa per 470 milioni di euro, che sarebbe stata effettuata da Fininvest - società di proprietà della famiglia dell'ex-premier - attraverso due società off-shore. La procura di Milano ipotizza che major americane abbiano venduto i diritti alle due società off-shore, le quali li avrebbero poi rivenduti con una forte maggiorazione di prezzo a Mediaset allo scopo di aggirare il fisco italiano e creare fondi neri a disposizione di Berlusconi. Tutti gli imputati negano ogni addebito.

Berlusconi: "Una richiesta assurda" -  "Una sola annotazione per far comprendere l'assurdità della richiesta della Procura di Milano. Durante il mio mandato di presidente del Consiglio dei Ministri avrei avuto la voglia e il tempo di interferire in una società quotata in borsa ovvero Mediaset, inducendo i suoi numerosi dirigenti e amministratori, che per altro lo negano recisamente, a eludere il fisco alterando una dichiarazione dei redditi per una percentuale di molto inferiore al'1% dell'imponibile dichiarato. Davvero da non credersi!". E' il commento di Silvio Berlusconi in una nota.

Leggi tutto