Terremoto continuo in Emilia, guida per chi viaggia in treno

1' di lettura

I controlli, le indicazioni per i passeggeri, le precauzioni: ecco cosa si deve fare in caso di scosse mentre si viaggia sulla rete ferroviaria. LA SCHEDA

Morti, feriti, crolli, danni e lesioni ad abitiazioni, edifici e monumenti. Ma anche disagi alla circolazione, in particolare a quella ferroviaria. Tra le tante conseguenze del sisma che dal 20 maggio scorso ha colpito l'Emilia, ci sono anche quelle legate ai passeggeri dei treni. Non importa se regionali o ad altà velocità: sono centinaia i convogli che passano per le zone colpite dal sisma.
Ma come ci si comporta in caso di scosse? E quali precauzioni occorre prendere? Lo abbiamo chiesto a Ferrovie dello stato, la società che ha in gestione la rete ferroviaria italiana, e Italo, la seconda società per la gestione del trasporto ferroviario (l'altra è Trenitalia, controllata interamente da Ferrovie dello Stato).

Cosa è accaduto nei vostri treni che si trovavano in Emilia durante le scosse del 20 e del 29 maggio scorso?
Ferrovie dello Stato:Sulle linee prossime all’epicentro sismico è stata immediatamente interrotta la circolazione dei treni per consentire una ricognizione, con carrelli di servizio, dell’infrastruttura ferroviaria, delle opere d’arte e dei manufatti prossimi ai binari. La circolazione dei convogli è quindi ripresa solo dopo il nulla osta dei tecnici di Rete Ferroviaria Italiana, in alcuni casi senza restrizioni, in altri con diminuzioni di velocità che sono state mantenute, modificate o tolte.
Italo: I treni hanno ridotto la velocità a 200 km/h, secondo le indicazioni ricevute dal gestore.

Nel caso di forti scosse, qual è la procedura che il personale dei treni è tenuto ad applicare?

Ferrovie dello Stato:Quando la scossa sismica avviene con i treni in viaggio, i convogli vengono fermati nella prima stazione utile che, in casi particolari, deve essere raggiunta facendo procedere il treno a bassissima velocità, con la cosiddetta marcia a vista. Ossia a una velocità tale da consentire l’immediato arresto del treno, entro lo spazio visivo del macchinista.
Italo: Si seguono le indicazioni del gestore della infrastruttura (in gran parte dei casi, Ferrovie dello Stato ndr) che, di solito, si risolvono in una riduzione della velocità o in un arresto del treno.

Quale comportamento deve tenere il passeggero?
Entrambi: Seguire le indicazioni impartite dal personale di bordo.

Leggi tutto