Terremoto, il lavoro negli ospedali

1' di lettura

A Modena per precauzione alcuni reparti sono stati spostati in basso dai piani alti. Il direttore sanitario dell'ospedale a SkyTG24: "Qui ricoverate circa 220 persone"

Giornate di intenso lavoro per gli ospedali della provincia di Modena. Anche se non c'è una stima totale dei feriti, sono molti quelli che si sono rivolti agli ospedali per ferite lacero contuse e traumi a causa del terremoto . In particolare, a Carpi il pronto soccorso ha accolto 230 persone, mentre i pazienti più gravi sono stati trasportati all'ospedale Baggiovara di Modena. I 'codici rossi', che identificano le situazioni più gravi, erano, nella serata di martedì 12. Si tratta di persone in prognosi riservata che hanno subito gravi traumi, alcuni da schiacciamento. Il policlinico di Modena è agibile ma per scrupolo le persone ricoverate nei reparti materno-infantile e cardiologia sono state spostate ai piani più bassi.

A SkyTG24 Kyriakoula Petropuloakos, direttore sanitario dell'ospedale di Modena, ha spiegato che i malati arrivati nel centro del capoluogo sono stati circa 220. Il policlinico di Modena, ha spiegato la dottoressa, è agibile ma per scrupolo le persone ricoverate nei reparti materno-infantile e cardiologia sono state spostate ai piani più bassi.

L'intervista completa a Kyriakoula Petropuloakos:

 

Leggi tutto