Sisma in Emilia: i telefoni utili e le iniziative sul web

I crolli a Mirandola
1' di lettura

I numeri di emergenza della Protezione Civile e dei Comuni colpiti dal terremoto, le informazioni sulla viabilità ma anche i dettagli delle iniziative spontanee per raccogliere fondi o offrire un letto agli sfollati. Ecco una lista di link e contatti

Mentre continuano le scosse che dalla mattina del 29 maggio hanno di nuovo fatto tremare l’Emilia Romagna, ecco qualche informazione di servizio per chi ha bisogno d’aiuto o intende dare una mano agli sfollati.

Donazioni via sms
Dalle 19 di martedì 29 maggio è attivo il numero telefonico 45500 per inviare sms di solidarietà a favore delle popolazioni terremotate dell'Emilia. In questo modo si potrà donare 2 euro per ogni messaggio inviato.

Numeri di emergenza
La Protezione Civile dell’Emilia Romagna comunica che il numero verde per le emergenze è il seguente: 800333911. Sullo stesso sito del dipartimento si trova anche la lista dei punti di ascolto per i cittadini, per segnalazioni su assistenza e danni, attivati nei Comuni colpiti dal sisma.

I numeri di emergenza dei vari paesi colpiti sono invece: Ferrara - 0532771546; Modena - 059200200; Mirandola - 0535611039; San Felice - 800210644; Cento - 3332602730.

Viabilità ferroviaria
Le nuove scosse in Emilia hanno causato problemi anche alla circolazione dei treni. Trenitalia, sul suo sito, comunica di aver riaperto tutte le linee ferroviarie interessate dal terremoto che ha colpito il Nord Italia. E che starebbe tornando alla normalità la circolazione dei treni sulla Bologna - Verona, Bologna - Padova, Bologna - Piacenza e Verona – Modena. Si registrano comunque ancora ritardi (Qui tutti gli aggiornamenti delle Fs, anche su Twitter).

Assistenza e solidarietà
La Federalberghi Emilia Romagna ha fatto sapere su Twitter di mettere a disposizione camere per cittadini sfollati. Le richieste vanno inoltrate attraverso le prefetture e/o la Protezione civile.

Anche gli utenti di Couchsurfing, il network di viaggiatori che si scambiano le case, sta organizzando una rete di ospitalità temporanea.

Le raccolte fondi sono molteplici. Si segnala quella aperta dalla stessa provincia di Modena, mentre chi volesse dare una mano concretamente trova informazioni sul sito locale Volontariamo.it, mobilitato sull’emergenza terremoto.

Inoltre l'ordine degli ingegneri di Modena già alcuni giorni fa, secondo quanto riportato dalla Gazzetta di Modena, ha dato la disponibilità  a visionare gratuitamente le case colpite dal sisma. Si può prenotare una visita dei tecnici chiamando lo 059/223831 o inviando una mail a segreteria@ing.mo.

Apertura Wi-Fi
In rete si moltiplicano gli appelli di singoli cittadini e aziende che invitano i residenti delle zone terremotate ad aprire le reti Wi-Fi in modo da permettere alle persone di comunicare via internet laddove le reti telefoniche non funzionino. Ecco le istruzioni di Vodafone per chi ha la Vodafone Station; e quelle di TIM.

Cosa fare in caso di terremoto

Per avere consigli su come comportarsi in caso di scosse si può consultare la guida della Protezione civile dell’Emilia Romagna, o quella del Comune di San Felice, o ancora, quella della rete civica Iperboole di Bologna.

Informazioni ulteriori
Per avere informazioni più accurate si può consultare il sito dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV), dove è disponibile anche una mappa geografica dei terremoti. Meglio ancora, per avere informazioni in tempo reale, seguire il suo account Twitter.

Leggi tutto