La classe dirigente italiana è la più vecchia d'Europa

1' di lettura

A dirlo uno studio della Coldiretti. L'età media dei dirigenti è di 59 anni. Nelle ultime tre legislature sono stati eletti soltanto due under 30 su circa 2500 deputati, i professori universitari hanno in media 63 anni, i membri del governo 64

Vecchia e incollata alla poltrona, è questa l'impietosa fotografia della classe dirigente italiana che  restituisce l'indagine della Coldiretti, realizzata in collaborazione con l'Università della Calabria, presentata nel corso dell'Assemblea dei giovani dell'associazione. L'età media dei dirigenti impegnati nell'economia e nella pubblica amministrazione è di 59 anni, con punte di 67 anni per banchieri e vescovi seguiti, dal Governo con 64, dai professori  universitari con 63 e dai dirigenti delle partecipate statali con 61. Un non invidiabile primato europeo.

Nelle Istituzioni, tra i parlamentari l'età media dei senatori è di 57 anni e quella dei deputati 54. Ancora più alta è l'età media dei ministri del governo guidato da Mario Monti: 64 anni. Nelle ultime tre legislature sono stati eletti soltanto due under 30 su circa 2500 deputati, anche se il peso dei 25-29enni è pari a circa il 28  per cento della popolazione eleggibile (con più di 25 anni).  Attualmente - precisa la Coldiretti - solo un deputato su 630 ha meno  di 30 anni e appena 47 sono quelli under 40 mentre quelli over 60 anni sono 157. Il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha 69 anni e i ministri più giovani, Renato Balduzzi e Filippo Patroni Griffi, hanno 57 anni. In Gran Bretagna David Cameron e' diventato primo ministro a  43 anni, Tony Blair a 44, John Major a 47 e Gordon Brown a solo poco  piu' di 50.

I professori universitari italiani, come si è detto hanno una media di 63 anni, i più anziani del mondo industrializzato. Un quarto dei professori che ha più di 60 anni contro poco più del  10 per cento in Francia e Spagna e l'8 per cento in Gran Bretagna.  Sono solo 3 su 16 mila circa i professori ordinari con meno di 35 anni e appena 78 quelli under 40, pari ad un peso dello 0,5 per cento.

Leggi tutto