Molotov contro una sede di Equitalia a Livorno

1' di lettura

Due bottiglie incendiarie sono state lanciate contro la filiale locale dell’agenzia di riscossione. Le indagini puntano all'area anarchico/antagonista. Le telecamere di vigilanza hanno ripreso un gruppo di persone

Equitalia ancora una volta nel mirino. Dopo le dimostrazioni contro le sedi dell'Agenzia delle Entrate di venerdì 11 maggio, dall'attacco ad agenti nel milanese alle dimostrazioni a Napoli (LE FOTO), sabato all'alba due bottiglie molotov e un petardo, rimasto inesploso, sono state gettate contro il portone della sede di Livorno, in via dell'Indipendenza, in pieno centro città.

Scarsa professionalità - Secondo le prime ipotesi investigative l'attentato sarebbe maturato nell'area anarchico/antagonista. Per gli investigatori l'episodio si inserisce nel filone delle contestazioni degli ultimi giorni contro Equitalia. La molotov e il petardo inesplosi, oltre all'incendio fallito, lascerebbero supporre una "scarsa professionalità" degli autori, che potrebbero non essere arrivati da troppo lontano. Non solo. Alcune telecamere di sicurezza della zona - il centro cittadino - hanno immortalato sei-sette persone mentre correvano nei frangenti dell'attentato e una signora che abita davanti a Equitalia ha raccontato di aver sentito delle grida, di essersi affacciata e di aver notato tre o quattro ragazzi a volto scoperto fuggire, mentre le fiamme divampavano.

Grilli: "Sbagliato colpevolizzare Equitalia"- Il mondo politico condanna in maniera unanime l'escalation di atti violenti che hanno come 'vittime' le sedi di Equitalia. Una presa di posizione pesante che si unisce ai giudizi severi che arrivano da esponenti di governo come il ministro della Giustizia Paola Severino ed il vice ministro all'Economia Vittorio Grilli pronto a chiedere preventivamente "scusa" a quei cittadini "disturbati" da accertamenti fiscali quando in realtà "sono in regola con i loro doveri". Grilli si allinea a quanto messo in chiaro già da diversi esponenti dell'esecutivo e cioè che "prendersela con Equitalia è sbagliato perché, non è il nemico ma lo Stato".


Leggi tutto