I cervelli in fuga? Costano 4 miliardi

1' di lettura

E' questo il ricavo dei brevetti creati dai nostri connazionali emigrati all'estero negli ultimi venti anni. "Più facile diventare full professor qui che insegnante in Italia", spiega un ricercatore di matematica a New York. L'INCHIESTA

4 miliardi di euro negli ultimi venti anni: a tanto ammontano i ricavi del deposito di 155 domande di brevetto create dai nostri connazionali all'estero e di altri 301 brevetti ai quali diversi ricercatori italiani emigrati hanno contribuito come membri del team di ricerca.
E' solo una delle tante cifre che emergono dal reportage di SkyTG24 dedicato ai Cervelli in ostaggio, un viaggio nel mondo delle università con alcune storie che raccontano le baronie e le caste che imperano nel mondo universitario e che frenano la ricerca, costringendo alcuni dei nostri migliori cervelli ad emigrare.

"Paradossalmente sarebbe più facile diventare full professor qui che insegnante in Italia", dice Enrico Guarnera,  ricercatore di matematica a New York. Il suo caso non è isolato, come dimostrano le interviste e i dati dell'inchiesta curata da Max Giannantoni, con il quale prosegue ' Casta Italia ' ( qui la programmazione ) una serie di racconti curati da SkyTG24 sui professionisti delle nuove generazioni che in Italia pagano il conto lasciato dai propri padri.

Guarda la puntata integrale:




Leggi tutto