Malore in campo, muore Morosini del Livorno

1' di lettura

Il calciatore, 25 anni, è stato vittima di un arresto cardiaco durante la partita contro il Pescara. Portato d'urgenza in ospedale, tutte le cure si sono rivelate inutili. Polemiche per l'ambulanza bloccata da un'auto dei vigili urbani

FOTO - La notizia fa il giro del mondo - Il cordoglio su Twitter - Dall'Under 21 al Livorno, la carriera di Morosini - Pescara, le foto della tragedia in campo - Morosini, calcio in lutto: non si gioca - Morosini, l'ambulanza bloccata

DA SKY SPORT - Ciao Piermario, domenica uno speciale per ricordare Morosini - Morosini, il lutto nei campionati esteri (video)

Tragedia nel mondo del calcio. Piermario Morosini, calciatore del Livorno, è morto oggi, sabato 14 aprile, poco dopo aver avuto un malore nel corso della partita contro il Pescara presso lo stadio Adriatico nella città abruzzese. Al 31' del primo tempo il 26enne si è accasciato al suolo, colpito da un  malore. Soccorso immediatamente è stato caricato su un ambulanza è portato d'urgenza all'ospedale della città abruzzese. Durante il percorso, a quanto riferiscono i sanitari, il giocatore è entrato in arresto cardiaco. Il giocatore è morto poco dopo il suo arrivo all'ospedale. La Figc ha deciso di bloccare tutte le partite di campionato in programma nel fine settimana.

Il medico: "Non c'è stato niente da fare"
- "Le abbiamo provate tutte per  rianimarlo, ma non c'è stato niente da fare" racconta il professor  Leonardo Paloscia, primario del reparto di cardiologia dell'ospedale  Santo Spirito di Pescara (ASCOLTA L'INTERVISTA). Il  25enne calciatore del Livorno è stato stroncato da un malore in  campo. A nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo. "Il ragazzo era  già in arresto cardiorespiratorio. Finché non si è deciso di interrompere la rianimazione, un'ora e mezza dopo, non si è mai  ripreso", spiega Paloscia. "Le  abbiamo provate tutte, abbiamo anche applicato un pacemaker  provvisorio, ma non c'è mai stato un accenno di ripresa del battito cardiaco".

Polemiche per l'ambulanza bloccata
- L'ambulanza che ha soccorso Morosini è rimasta bloccata (GUARDA LE IMMAGINI) per alcuni minuti, senza poter entrare nello stadio a causa di un'automobile dei vigli urbani che bloccava l'ingresso. Attimi concitati: per rimuovere il mezzo è stato rotto un vetro. Ma, come ha sottolineato il cardiologo Paloscia, "un minuto in più o un minuto in meno nei soccorsi non sarebbe servito a nulla. Il cuore si è fermato e non ha più ripreso a battere. Abbiamo infatti provato a rianimarlo in ogni modo per un'ora e mezza, ma tutto è stato inutile".
L'amministrazione comunale della città abruzzese avvierà in ogni caso un'indagine interna e collaborera' con l'autorità giudiziaria per fare chiarezza sulla vicenda.

(Tutti i video sulla morte di Piermario Morosini)

Leggi tutto