Pasqua, sequestrate 3mila tonnellate di prodotti alimentari

1' di lettura

Operazione dei carabinieri in vista delle festività. Nel mirino aziende dolciarie, ristoranti e attività commerciali. A Napoli tolte dal mercato 1500 uova di pasqua, a Milano 4,5 tonnellate di materie prime per dolci

Oltre 2.800 tonnellate di prodotti alimentari pericolosi per la salute sequestrati per un valore di mercato di oltre 10milioni di euro; 47 strutture alimentari chiuse; 707 persone segnalate all' attività giudiziaria; violazioni amministrative per quasi un milione di euro: è il bilancio dell' operazione "Pasqua a tavola" condotta dal Comando Carabinieri per la tutela della Salute.

Nei controlli sono stati impegnati oltre 600 militari dei 38 Nas dislocati in tutta Italia: sono state eseguite in 1786 ispezioni, il 38% delle quali hanno fatto emergere irregolarità di ogni tipo, dalle carenze igienico sanitarie, agli alimenti scaduti di validità, alterati, insudiciati e detenuti in cattivo stato di conservazione. Sono stati anche trovati prodotti pasquali industriali posti in commercio come "produzione artigianale", e alimenti di provenienza ignota. Gli accertamenti hanno riguardato aziende dolciarie, attività di ristorazione, strutture commerciali, stabilimenti per la lavorazione e distribuzione di pesce e carne. Nel settore dei prodotti dolciari (221 ispezioni, il 41% irregolari) sono state sequestrate 924 tonnellate tra materie prime, prodotti di pasticceria, colombe, uova di cioccolato e dolci tipici delle festività natalizie. Le violazioni amministrative e penali rilevate sono state 126 e ai 99 responsabili, segnalati alle autorità, sono stati fatti verbali per oltre 110mila euro.

In particolare, in provincia di Salerno è stata scoperta una un'azienda dolciaria di notevoli dimensioni in pessime condizioni igieniche, con incrostazioni e ruggine negli ambienti, sui macchinari e sulle attrezzature; all'interno della ditta sono stati trovati prodotti dolciari (cornetti, pastiere, colombe, etc.) e materie prime (strutto, farine, zuccheri, lieviti, etc.) scaduti anche da mesi, congelati con apparecchiature non idonee e detenuti senza il rispetto della catena del freddo, contaminati da sporco e materiale estraneo. I Carabinieri hanno messo sotto sequestro l'azienda e circa 900 tonnellate di alimenti, denunciando il titolare per frode in commercio e detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione nonch‚ per violazioni in tema di regolarità del rapporto di lavoro.

A Napoli sono state sequestrate di 1500 uova di Pasqua prive di etichettatura e non rintracciabili; a Livorno 750 kg di cioccolato prodotto e commercializzato abusivamente; a Milano, in una pasticceria sono state sequestrate 4,5 tonnellate di materie prime per dolci e 1600 confezioni di uova fresche, conservate in locali senza i requisiti minimi igienico sanitari, sporchi e contaminati da escrementi animali.

Le attività di controllo sono state estese anche sugli alimenti più frequentemente consumati in occasione delle tradizionali gite "fuori porta" di Pasquetta. I Carabinieri dei Nas hanno eseguito 1173 ispezioni in aziende di produzione e vendita di pasta, prodotti ittici, carnei e lattiero caseari, nonché‚ in attività di ristorazione ed agriturismo. I controlli hanno consentito di sottrarre alla distribuzione commerciale oltre 688 tonnellate di alimenti potenzialmente pericolosi per la salute del consumatore o comunque irregolari e contestare 741 sanzioni a 450 aziende, con violazioni amministrative per circa 610mila euro. In quest'ambito, il Nas di Brescia ha sottratto alla distribuzione 420 capretti congelati, per un peso di oltre 2,5 tonnellate, recanti irregolari/false indicazioni relative alla bollatura sanitaria ed alla data di congelazione; mentre il Nas di Torino ha sequestrato 500 kg di carne e pesce in un ristorante conservati male e congelati con attrezzature non idonee. A Perugia è stato denunciato il titolare di un agriturismo dell'orvietano per aver detenuto, per destinarli ai clienti, 500 kg di alimenti di origine animale, dolci e pasta fresca, congelati senza attrezzatura idonea e in cattivo stato di conservazione.

Leggi tutto