Lamolinara, lo shock dei concittadini: eravamo fiduciosi

1' di lettura

A Gattinara, in provincia di Vercelli, dolore e sgomento per la morte dell'ostaggio ucciso in Nigeria in seguito al blitz delle forze locali e britanniche. Il sindaco: "C'erano forti speranze che tornasse a casa". VIDEO

Guarda anche :
Nigeria, ucciso in un blitz Franco Lamolinara
Le foto del compound
La rassegna stampa
La dinamica sui giornali inglesi
Napolitano: "Inspiegabile il comportamento inglese"

E’ un paese sotto shock Gattinara, il comune in provincia di Vercelli di cui era originario Franco Lamolinara. La speranza di veder tornare a casa l’ingegnere rapito in Nigeria, si è infranta in seguito al blitz delle forze britanniche e nigeriane, in cui Lamolinara ha perso la vita insieme all'ostaggio britannico.
“Ha due figli giovani, la famiglia era positiva, pensavano che tutto sarebbe andato bene” racconta un vicino di casa. “Era stato rapito due giorni prima di tornare a casa per una licenza, pochi giorni  fa la figlia mi aveva detto che si sentiva che il papà stava bene” dice un altro.

"Lo conoscevo come lo conoscevano tutti – dice anche il sindaco Daniele Baglione - la vicenda ha colpito tutta la città. Eravamo in contatto con la Farnesina, c’erano forti speranze che potesse tornare a casa".

Ascolta le parole del sindaco

Leggi tutto