Fisco, blitz a Courmayeur: incassi aumentati del 32%

1' di lettura

E' il bilancio dei controlli compiuti dall'Agenzia delle Entrate nella nota località sciistica. Gli ispettori hanno effettuato verifiche in 33 esercizi commerciali, tra ristoranti, bar e negozi

Guarda anche
Sul web arrivano gli attivisti dello scontrino
Nel 2011 recuperati 11,5 miliardi
I blitz degli ultimi mesi: Cortina - Milano/1 - Milano/2 - Sanremo - Napoli

Un aumento medio del 32% degli incassi rispetto al sabato precedente, con picchi in alcuni negozi del 176%. I primi dati, diffusi lunedì 20 febbraio, riguardanti il blitz di sabato 18 dell'Agenzia delle entrate nei bar, ristoranti, negozi e baite di Courmayeur registrano un aumento degli affari per i commercianti della località valdostana. I 70 funzionari del fisco hanno passato ai raggi x gli scontrini di 33 esercizi commerciali, riscontrando anche "diverse irregolarità relative al mancato aggiornamento dei registri dei corrispettivi e alle incongruità con le dichiarazioni presentate ai fini degli studi di settore". In un solo locale è stata trovato un lavoratore in nero.

Controlli anche a Viareggio - Più significativa, nell'ultimo fine settimana di carnevale, l'impennata del volume di scontrini nei locali notturni della Versilia. Con la presenza degli 007 del fisco e della Siae, le casse hanno certificato un 57% in più di guadagni, con punte fino al 174%, rispetto a un anno fa. Le indagini si sono concentrate su alcune discoteche e ritrovi notturni di Viareggio, Forte dei Marmi e Marina di Pietrasanta. Crescite pur sempre contenute se paragonate al +400% raggiunto a Cortina nel primo blitz del fisco a inizio anno o al +133%, con punte del +985%, emerso nei controlli della guardia di finanza nei mercati di Napoli.

Il sindaco di Courmayeur: incassi coerenti - Sarà anche per questo che ai piedi del Monte Bianco le elaborazioni dell'Agenzia delle entrate sono state accolte con fai play. I dati degli incassi sono, secondo il sindaco di Courmayeur, Fabrizia Derriard, "perfettamente coerenti con le effettive presenze di turisti nei due fine settimana: sabato scorso c'era molta gente in paese anche per il ponte di carnevale mentre quello precedente è stato negativamente influenzato dall'allarme maltempo".
L'aumento del 40 per cento anche delle presenze negli impianti di risalita ne sono una prova, secondo il primo cittadino. E anche i commercianti si allineano a questa lettura: "C'è stato un maggiore afflusso di turisti incentivati a venire in Valle d'Aosta anche dalle condizioni atmosferiche con temperature più miti", dice Pierantonio Genestrone, presidente di Confcommercio Valle d'Aosta.

Agenzia delle entrate:raccolte informazioni utili - Dall'Agenzia delle entrate l'operazione del fine settimana viene archiviata come positiva: "Sono molto soddisfatto dei controlli di sabato - commenta Carmelo Rau, direttore della sede regionale della Valle d'Aosta - e la professionalità dei nostri funzionari è stata sottolineata sia da parte dei rappresentanti delle istituzioni primi tra tutti il presidente della Regione Valle d'Aosta e il sindaco di Courmayeur sia da parte degli stessi titolari dei locali". Le informazioni raccolte sono infatti giudicate da Rau "molto utili" e dovranno essere "valutate in contraddittorio con il contribuente".

Leggi tutto