Terror at sea: l'incidente della Concordia visto dall'estero

1' di lettura

Testimonianze e immagini amatoriali inedite: a poco meno di un mese dal naufragio, arriva il primo documentario internazionale sulla tragedia del Giglio. Prodotto nel Regno Unito, in onda venerdì 10 febbraio alle 23 su Sky UnoHD

LO SPECIALE: foto, video e ultime notizieL'ALBUM: Tutte le immagini - Tutti i video

(In fondo tutti i video sulla Costa Concordia)

Un minuzioso lavoro di ricostruzione del naufragio del 13 gennaio, realizzato con lucidità e completezza di fonti, alternando le immagini amatoriali fornite dai passeggeri, molti dei quali inglesi, a quelle riprese dai mezzi di soccorso e dai notiziari, commentate dai superstiti, dall’equipaggio e da esperti del settore.
Si presenta così “Terror at Sea: The sinking of the Concordia”, il primo documentario sul disastro della Costa Concordia, prodotto nel Regno Unito, che andrà in onda in esclusiva su Sky UnoHD venerdì 10 febbraio alle 23 con il titolo “La tragedia della nave Concordia”  e successivamente anche sul canale 505 Sky Tg24 Eventi (qui la programmazione).

Un incidente raccontato da un punto d’osservazione esterno al nostro paese, che indaga le cause e gli errori che hanno portato un colosso da crociera da 450 milioni di euro a naufragare tra le acque del Giglio, con circa 4000 passeggeri a bordo.
Tra le inedite testimonianze dei superstiti anche quella dei ragazzi inglesi del corpo di ballo della nave, per i quali da mesi la Concordia era una seconda casa: Kirstie, 20 anni e imbarcata da 4 mesi, e Joe che aveva sconfitto la paura del mare e realizzato il sogno di lavorare in crociera. Entrambi si sono salvati nuotando nell’acqua ghiacciata fino a raggiungere l’isola del Giglio.

“La tragedia della nave Concordia” è la prima produzione televisiva che, a meno di un mese dall’accaduto e da un osservatorio straniero, ricostruisce ed esamina il disastro della “città galleggiante” che ora giace su un fianco semiaffondata di fronte al Giglio, lasciando aperto il dibattito sulla sicurezza e sull’affidabilità di certi gioielli di moderna tecnologia navale. In attesa che i dubbi vengano sciolti resta l’enorme costo umano della tragedia.

Leggi tutto