Alemanno e la neve, tra Lady Gaga e le “scuole socchiuse”

Lady Gaga scende in difesa del sindaco Alemanno nel video-parodia realizzato da Sora Cesira.
1' di lettura

La gestione dell’emergenza meteo da parte del sindaco di Roma ha scatenato ironie e sberleffi sul web. Dalle parodie di Sora Cesira ai tormentoni su Twitter e Facebook all’insegna dei “pini comunisti”, del sale da cucina e delle finte intercettazioni

Guarda anche:
Le previsioni del tempo
Tutte le notizie su maltempo e conseguenze

FOTO: L'album - I soccorsi - Neve e ghiaccio in tutta Europa - I politici e la neve - Neve e gelo in tutta Italia

VIDEO:
Il film dell'emergenza - Le testimonianze via web - Gli italiani si scoprono videomaker

REAZIONI:
Disagi a Roma: si infiamma il dibattito - Alemanno contro la Protezione civile - Chiodi (Abruzzo): stato d'emergenza - Polverini (Lazio): situazione critica - Iorio (Molise): paesi isolati


di Nicola Bruno

Polemiche politiche e non solo. La gestione dell’emergenza meteo da parte di Gianni Alemanno ha alimentato non solo duri scontri (con il Capo della Protezione Civile Franco Gabrielli prima e il governo poi), ma anche un fiume di reazioni online. Con molti utenti che si sono divertiti a prendere di mira le dichiarazioni, le immagini e persino i tweet che hanno visto protagonista il primo cittadino della capitale in questi ultimi giorni.


Sora Cesira e Lady Gaga - Molti utenti si divertono a mischiare i generi nelle loro parodie. Come, ad esempio, l’irriverente Sora Cesira, autrice di tante parodie musicali, comprese quelle de “Gli Sgommati”. Questa volta ha avuto gioco (metricamente) facile con la hit di Lady Gaga Alejandro, subito trasformata in “Alemanno”. Secondo Sora Cesira, “Lady Gaga ama la neve e non è per niente contenta delle critiche nei confronti del sindaco”. E via così, “spaliamo la neve tutti insieme, Alemanno. Non sarà breve, ma finiremo tutti insieme a Capodanno”.
Alemanno- La Sora Cesira



Cinegiornale 2.0 - La neve a Roma d'altra parte è stata già spunto di parodie anche in passato. Uno dei video più popolari su YouTube suona addirittura profetico nel suo mettere in scena un fantomatico cinegiornale dell’istituto Luce in cui si racconta - con perfetta retorica da propaganda del Ventennio - del “sindaco Podestà di Roma Giovanni Alemanno che, grazie alla sua infaticabile attività di primo cittadino, è riuscito a riportare nella Capitale un evento di grande importanza e maravigliosa fattura: la neve”. In realtà si tratta di un falso documentario di satira (quello che in inglese viene chiamato mockumentary), realizzato due anni fa da Dario Comel e David Aprea in occasione della nevicata che aveva ricoperto Roma nel febbraio del 2010.


Remake cinematografici - Dai cinegiornali alle parodie musicali, fino ad arrivare ai remake cinematografici il passo è breve. Ecco allora il primo cittadino di Roma interpretare una parte dentro “Alemanno. L’alba del giorno dopo” (qui un'altra versione), parodia dell’omonimo kolossal apocalittico, e in “Alemannium. Uomini che odiano la neve” (parodia dell’ultimo “Uomini che odiano le donne” tratto dalla trilogia Millenium di Stieg Larsson).



Scuole socchiuse
- Altro capitolo, quello relativo alle scuole. Il 7 febbraio Alemanno ha annunciato che le scuole sarebbero state riaperte l'8 febbraio ma - complice anche un errore informatico dell'amministrazione comunale- su Twitter è subito partito il trending topic #scuolesocchiuse, per prendere in giro il “balletto” di posizioni sull’apertura o meno degli istituti della settimana precedente (quando Alemanno aveva parlato di edifici aperti e stop alla didattica).







I pini comunisti
- Un altro video molto ripreso in rete, poi, non è una parodia, ma la semplice registrazione dell’intervento di Alemanno al programma “In Onda” su La7. In quell'occasione, il primo cittadino della capitale ha infatti spiegato che a Roma gli “alberi non sono abituati alla neve”, come a Trento, e per questo crollano.



Anche questa dichiarazione ha subito ispirato una serie di messaggi divertiti su Twitter all’insegna dei “pini comunisti”, con tanto di foto-denuncia.





Il sale da cucina
- E prima dei “pini comunisti” a finire al centro degli sberleffi (e delle polemiche) sono state le immagini del weekend con il sindaco di Roma che spalava la neve (qui la gallery). È bastato poco perché ci si accorgesse che invece del sale antigelo, Alemanno stava in realtà usando quello normale da cucina . Il sindaco ha poi replicato bollando il tutto come una “sciocchezza assoluta. Quello è il sale che viene fornito dalla Protezione civile, indicato per le specifiche'', ma nel frattempo era già partito lo sberleffo su Facebook (“Ma che fa, Alemanno, condisce l’insalata?”) e Twitter.

La finta intercettazione - Sempre su Facebook, poi, è molto condivisa la finta intercettazione della telefonata tra Alemanno e Gabrielli che ricalca quella tra Francesco Schettino della Costa Concordia e Gregorio De Falco della Capitaneria di Livorno. Ad un presunto Gabrielli che ordina “Adesso lei va a piazza Venezia, lato sinistro, c’è una scala, la percorre e arriva in Campidoglio. Le è chiaro?”, Alemanno replica impaurito: “Ma c’è la neve”.

Leggi tutto