Neve e gelo, la geografia del caos tra black out e vittime

1' di lettura

Stato d’emergenza in Abruzzo. Problemi nel Lazio, nelle Marche e in Molise con strade impercorribili e mancanza di energia. Si contano otto morti per il freddo. E nei prossimi giorni la situazione non migliorerà. FOTO, VIDEO E PREVISIONI METEO

Guarda anche:
Le previsioni del tempo
Tutte le notizie su maltempo e conseguenze

FOTO: L'album - I soccorsi - Neve e ghiaccio in tutta Europa - I politici e la neve

VIDEO:
Il film dell'emergenza - Le testimonianze via web - Gli italiani si scoprono videomaker

REAZIONI:
Alemanno contro la Protezione civile - Chiodi (Abruzzo): stato d'emergenza - Polverini (Lazio): situazione critica - Iorio (Molise): paesi isolati

APPROFONDIMENTI: Ecco come è nata "l'autostrada del gelo" - Gas, volano i consumi. E scatta l'allerta

(In fondo all'articolo tutti i video sull'emergenza maltempo)

L'ondata di maltempo prosegue. E a farne le spese è il Centro-Sud. Non solo a Roma, dove vanno avanti le polemiche tra il sindaco e la Protezione civile: "Oggi in Italia non esiste più, fanno solo i passacarte", ha detto Alemanno a SkyTG24 .
Dal frusinate alle Marche, dall'Abruzzo al Molise, sono diverse le zone che stanno vivendo situazioni critiche. Tra queste il problema della corrente elettrica: più di 84mila le utenze senza elettricità nella mattinata del 5 febbraio, poi scese a 75mila nel primo pomeriggio e a 59.270 in serata (51.000 nel Lazio, di cui 22.200 in Provincia di Roma e 28.800 nel Frusinate). “Stiamo operando senza interruzione con più di mille persone su tutto il territorio e continueremo per tutta la notte” ha detto a SkyTG24 il direttore divisione distribuzione Enel Livio Gallo ( IL VIDEO) . Si contano anche nuove vittime del freddo, otto in tutto dopo i nove morti di sabato 4 febbraio.
Intanto i soccorsi vanno avanti senza sosta. Il presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, ha dichiarato lo stato d'emergenza mentre il ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, ha detto che le Forze armate sono pronte a dare il loro contribuito (all'Aquila l'Esercito ha già iniziato a lavorare).
A tutto questo si aggiunge un nuovo bollettino della Protezione civile per avverse condizioni meteorologiche, che annuncia altre precipitazioni nevose soprattutto al Centro-Sud, e l'allarme lanciato dal Ministero dello Sviluppo sul consumo di gas che sta per toccare in Italia il record di 440 milioni di metri cubi consumati.

MARCHE : neve e disagi -
Due-tre metri di neve all'interno, 60 centimetri ad Ancona , semi-paralizzata, e previsioni meteo pessime: fino a martedì 7 febbraio ancora neve. Le Marche sono in piena emergenza maltempo, nonostante i 3.000 uomini in campo, coordinati dalla Protezione civile regionale. Anche oggi un bollettino di guerra: un 79 anni, Angelo Verdenelli, morto per infarto a San Severino Marche dopo aver spalato la neve davanti casa, passeggeri e camionisti bloccati dal 4 febbraio a bordo di due navi nel porto di Ancona, e 'liberati', a piccoli contingenti, solo in serata. Frazioni del Montefeltro , di Fabriano e della provincia di Macerata (che ha chiesto lo stato di emergenza) ancora isolate, anche se l'Enel è riuscita a riparare la gran parte dei guasti alle linee di media tensione, e le utenze disalimentate sono scese a 250. Problemi anche nella provincia di Pesaro-Urbino ( qui gli studenti della scuola di giornalismo stanno aggiornando in tempo reale il loro sito per raccontare come si evolve la situazione).
Ad Ancona, dove le scuole resteranno chiuse anche il 6 e il 7 febbraio, gli spartineve non sono riusciti a liberare le vie interne delle frazioni, ne' quelle in forte pendenza del centro storico. “Stiamo facendo il possibile", assicura il sindaco Fiorello Gramillano, ma comprare un litro di latte o un giornale nel centro città era un'impresa.  E' la viabilità secondaria il punto critico nelle città, tanto che molti medici e infermieri preferiscono dormire in ospedale per non creare vuoti nel servizio. Off limits fino al pomeriggio anche il carcere di Barcaglione, ad Ancona.

Il video



LAZIO ,  comuni senza corrente - Nel Lazio ( qui le previsioni ) decine i Comuni, in particolare delle province di Roma e Frosinone , sono rimasti isolati per giorni. Senza acqua, luce, cibo e telefono. "Abbiamo seri problemi, manca la corrente elettrica, persone che non possono uscire di casa. Aree difficilmente raggiungibili. La mancanza di elettricità sta portando all’esasperazione i cittadini. Manca il riscaldamento". L’appello all’Enel del sindaco di Arsoli, Paolo Martino.

Guarda il video :


Poi, nel corso della giornata di domenica 5 febbraio, sono state via via riattivate diverse utenza.  La situazione più difficile nel frusinate. Ad Acquafondata e a Vallerotonda, piccoli centri ciociari, ci sono due metri di neve. Ma anche il capoluogo non scherza. All'ora di pranzo ben 2000 cittadini di Frosinone erano ancora senza elettricità.
Il sindaco Michele Marini guarda le strade con 70 centimetri di neve e chiede lo stato di calamità.

Guarda il video:




In serata, altro bollettino, stavolta della Provincia di Roma: alle 18 ancora in 10 Comuni, anche medio-grandi, manca la corrente elettrica. Ma riallacciare la corrente non è riattaccare una spina, spiega per tutto il giorno la governatrice del Lazio Renata Polverini. "Il primo lavoro è liberare le strade - dice – perché molte conducono alle centraline dell'Enel". E i tecnici vanno portati con i mezzi della protezione civile. Niente strade, niente corrente. Niente corrente, niente pompe ed autoclavi, per cui niente acqua. Ecco perché la task force regionale deve concentrare forze e mezzi nelle zone ancora non raggiunte. Il presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti non sta a guardare: "E' stato deciso - annuncia dopo un vertice in prefettura - l'utilizzo di gruppi elettrogeni per i Comuni nei quali la corrente non è ancora stata ripristinata, o non sarà possibile farlo presto.

A ROMA ripartono i mezzi pubblici -
Dalle ore 11 di domenica 5 febbraio è stata riattivata parte della rete di bus e tram delle linee previste dal Piano neve nella capitale ( le previsioni ). La situazione a Roma vede metro A e B in funzione; ferrovie Termini-Giardinetti, Roma-Lido e Roma-Viterbo attive, per quest'ultima tranne la tratta extraurbana.
Il sindaco, Gianni Alemanno, ha prorogato per 24 ore (quindi fino alle ore 12 di lunedì) il divieto di circolazione, all'interno del territorio cittadino, per tutti gli autoveicoli sprovvisti
di catene a bordo o di gomme termiche invernali e per tutti i ciclomotori e motoveicoli.
All'aeroporto di Fiumicino sono stati cancellati 9 voli. Particolarmente penalizzati i collegamenti della compagnia aerea British Airways da e per l'aeroporto di Heathrow, uno dei più trafficati d'Europa, che sta funzionando a regime ridotto a causa della neve ( i voli di Fiumicino in tempo reale ). 

L'emergenza dei comuni a nord di Roma



Ancora disagi in ROMAGNA
( IL VIDEO ) - Ancora neve in Romagna , mentre in Emilia le precipitazioni sono assenti o cade solo nevischio ( le previsioni ). A Bologna aeroporto aperto e voli per la maggior parte regolari, anche se con alcuni ritardi ( la situazione dei voli ). Qualche disagio anche nelaa circolazione dei treni nella stazione centrale del capoluogo. I fiocchi sono caduti con una certa intensità tra Faenza e il Riminese.
A questo si aggiunge una nuova allerta meteo diramata dalla Protezione civile per le prossime 65 ore: dalle 13 di domenica alle 6 di mercoledì. A Cesena le scuole rimarranno chiuse lunedì e martedì ( L'INTERVISTA AL SINDACO ).
Il sindaco di Forlì , Roberto Balzani, ammette: "La città è ora in letargo ma dobbiamo riattivare le attività produttive. In effetti ci siamo messi in moto con un giorno di ritardo, per fortuna lunedì le scuole sono chiuse".

Guarda il video:


ABRUZZO , dichiarato lo stato d'emergenza -
Dopo tre giorni in cui la regione è rimasta in balia di gelo e neve, il governatore Gianni Chiodi ha dichiarato lo stato di emergenza (GUARDA IL VIDEO) ed ha delegato i prefetti a chiedere l'aiuto dell'Esercito. Su lunghi tratti della costa adriatica e nel resto dell'Abruzzo la neve ha ripreso a scendere anche domenica 5 febbraio ( le previsioni ). Il maltempo ha portato ancora neve e causato vittime.  A Mosciano S.Angelo (Teramo) un uomo di 51 anni è stato stroncato da un infarto mentre spalava la neve; nel Chietino, ad Archi, stesso malore per un 87enne che stava pulendo il ghiaccio fuori casa Molti i centri isolati: nella Valle Roveto alcuni Comuni senza acqua, luce e gas da 48 ore. A S.Valentino in Abruzzo Citeriore (Pescara) il sindaco, Angelo D'Ottavio, ha denunciato l'Enel per interruzione di pubblico servizio. Disagi e proteste sono arrivati da tutta la regione. "Gabrielli: dove sono Chiodi e il capo della Protezione civile, mentre noi siamo sepolti e abbandonati sotto due metri di neve?" ha chiesto con una nota il sindaco di Tagliacozzo (L'Aquila), Maurizio Di Marco Testa. Proteste giungono dall' Aquila, in particolare dai 19 insediamenti del progetti Case realizzati dopo il terremoto per dare una casa alle famiglie che l'avevano persa dopo il terremoto.
In un video postato su Youtube la denuncia di un abitante di Coppito, nell'aquilano, contro l'immobilismo del Comune sull'emergenza neve.

Guarda il video:


La viabilità è invece migliorata: dopo quasi tre giorni, sono state riaperte le autostrade A/24 e A/25, la cui chiusura è stata giudicata "incomprensibile" da Confindustria. In considerazione delle previsioni non certo positive, la prefettura ha chiuso gli uffici pubblici della provincia dell'Aquila per il 6 febbraio. Le scuole sono chiuse in quasi tutta la regione, dove molte aziende private hanno messo in ferie il personale.

Peggiora la situazione in MOLISE
- Da tre giorni ormai il Molise ( qui le previsioni ) è una regione paralizzata dalla neve e dal gelo. Domenica 5 febbraio le precipitazioni sono state più deboli, ma la tregua non ha migliorato la situazione ed è ancora piena emergenza. Disagi e problemi vanno dalla montagna al mare e in provincia di Isernia è servito l'intervento dell'Esercito per far fronte alle situazioni più difficili e per raggiungere le abitazioni isolate. Resta anche il problema dei black out elettrici: in mattinata erano ancora mille le case senza energia. Si contano poi diversi i feriti, soprattutto pedoni caduti a causa del ghiaccio. In tilt i trasporti: nessun treno è partito o arrivato nelle stazioni molisane, pochissimi invece gli autobus in circolazione.
Il presidente della Regione, Michele Iorio, ha deciso la chiusura delle scuole in tutta la regione sia per il 6 che per il 7 febbraio, e ha lanciato un appello ai cittadini affinché limitino al minimo gli spostamenti.  A Campobasso, intanto, monta la protesta dei residenti, la città è infatti sommersa dalla neve e la circolazione è paralizzata. Il sindaco Luigi Di Bartolomeo ha disposto per il 6 febbraio la chiusura degli uffici pubblici. E sempre in tema di chiusure fa rumore quella annunciata dal sindaco di Rionero Sannitico (Isernia) che si dice intenzionato a sospendere le lezioni scolastiche in paese fino al 31 marzo per protestare "contro l'indifferenza delle istituzioni competenti verso la drammatica situazione in cui versa il paese a 1.050 metri di altezza".

La denuncia di un abitante di Isernia via Youtube sul piano antineve del Comune che dopo aver garantito di avere la situazione sotto controllo è costretto a chiedere aiuto a imprese e cittadini.

Guarda il video da Youtube:



Le vittime
- A pagare soprattutto senzatetto ed anziani, le categorie più a rischio. I cadaveri di clochard sono stati rinvenuti in un parco ad Ostia (Roma), alla Stazione Termini, sempre nella capitale (una donna di 78 anni), in un capannone abbandonato a Lucca (un cingalese di 37 anni). Anche lo sforzo di spalare neve è costato caro a qualcuno: sono stati stroncati da infarto un 51enne di Mosciano (Teramo), un 87enne di Archi (Chieti), un 79enne di San Severino Marche (Macerata). Una novantunenne è poi morta a Trieste dopo essere caduta per una raffica di bora.

La situazione sulle strade
– Prosegue il monitoraggio da parte di Viabilità Italia (GUARDA LA MAPPA AGGIORNATA) delle autostrade e delle principali arterie italiane. E' stata ripristinata la piena percorribilità delle A24 Roma-L'Aquila-Teramo e A25 Torano-Pescara, che erano rimaste chiuse fino alla mattina del 5 febbraio. In alcuni tratti si circola solo sulla corsia di sorpasso. Nel tratto della provincia di Forlì dell'E45 sono stati riaperti, al solo traffico leggero munito di idoneo equipaggiamento, anche gli svincoli intermedi lungo tutta la tratta.

La situazione dei treni -
Continuano i disagi per chi si sposta in treno,  ma si tratta di difficoltà molto più contenute rispetto a quelle registrate tra venerdì e sabato. Diversi ritardi vengono segnalati alla stazione di Bologna. Intanto nella tarda mattinata di domenica 5 febbraio le Ferrovie dello Stato hanno comunicato che sono ripartiti i treni sulla Roma-Pescara e viceversa. "Ringraziamo - si legge nella nota di Fs - i ferrovieri  che si sono prodigati giorno e notte per rimuove centinaia di alberi  appartenenti a privati, caduti sulla linea, causa del blocco della  linea stessa".

La situazione dei voli -
Criticità all'aeroporto di Ciampino, dove sono stati cancellati alcuni voli, e ritardi in quello di Alghero, qualche volo cancellato anche a Fiumicino. Chiusi gli aeroporti di Ancona, Forlì e Rimini (quest'ultimo è stato riaperto alle 15). E', in sintesi, il resoconto stilato dall'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile (Enac) c on l'aggiornamento della situazione sugli scali nazionali interessati dal maltempo.

LINK UTILI -
Ecco i link utili per gli aggiornamenti in tempo reale sulle strade: cciss.it , autostrade.it . (Su smartphone e tablet, disponibile l'applicazione  'Vai') . Per quanto riguarda i treni il servizio Viaggiatreno , segnala in tempo reale il percorso dei convogli.
Di seguito, i siti per seguire la situazione negli aeroporti di Torino , Genova , Verona , Bologna , Roma Fiumicino , Milano Linate e Milano Malpensa . Tutte le informazioni sui voli Alitalia, aggiornate in tempo reale, si possono ottenere chiamando il numero verde 800.65.00.55, attraverso la funzione "Stato del Volo" del sito Internet .

Leggi tutto