Buste con proiettili per Fornero, Camusso e Marcegaglia

1' di lettura

Le missive sono state trovate nel centro meccanografico di Lamezia Terme e sono firmate dal Movimento Fronte Rivoluzionario. Nello stesso centro postale a dicembre furono trovate buste indirizzate a Monti e Berlusconi

Guarda anche:
A dicembre pacco bomba a Equitalia. Ferito il direttore generale
A settembre busta con proiettili per Maroni e Bindi
Busta con proiettili per Alemanno e Paola Severino

Alcune buste con proiettili e minacce a firma del Movimento Fronte Rivoluzionario, indirizzate al Ministro Fornero, alla Presidente di Confindustria, Marcegaglia, ed ai segretari generali di Cgil e Cisl, Camusso e Bonanni, sono state intercettate nel centro meccanografico postale di Lamezia Terme. Nel volantino sono contenute minacce al Ministro ed ai rappresentanti degli industriali e del sindacato. In particolare si fa riferimento a vicende che riguardano i temi del lavoro. Il sostituto procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, Domenico Galletta, ha disposto il sequestro di tutto il materiale. Gli investigatori stanno attentamente vagliando il contenuto del volantino e la firma di rivendicazione.

Non è la prima volta che nel centro meccanografico postale di Lamezia Terme vengono trovate buste con proiettili e minacce nei confronti di esponenti politici nazionali. Il 16 dicembre scorso furono trovate dieci buste con proiettili e un volantino di minacce firmato dal Movimento Armati proletari. In quella occasione le minacce erano rivolte al premier, Mario Monti, all'ex premier, Silvio Berlusconi, e ai direttori di alcuni quotidiani nazionali. Le indagini, dopo i primi accertamenti, passarono alla Dda di Catanzaro.

Leggi tutto