Sciopero generale: il venerdì nero dei trasporti

1' di lettura

Dagli autobus alle metropolitane, dai treni agli aerei disagi in tutta Italia per l'agitazione indetta dai sindacati di base per venerdì 27 gennaio. Si fermano anche scuola, uffici pubblici, poste e telecomunicazioni. TUTTE LE INFORMAZIONI

Guarda anche:
Liberalizzazioni: tutte le foto delle proteste
Liberalizzazioni, 500 notai e 5mila farmacie in più

Dagli autobus alle metropolitane, dai treni agli aerei: sarà un venerdì nero per i trasporti a causa dello sciopero generale di tutte le categorie pubbliche e private indetto contro le politiche del Governo Monti da Usb, Orsa, SlaiCobas, Cib-Unicobas, Snater, SiCobas e Usa.
Si fermeranno anche scuola, uffici pubblici, poste e telecomunicazioni. Una manifestazione sfilerà per le strade di Roma. Per quanto riguarda il trasporto pubblico locale (bus, metropolitane e tram), gli orari varieranno da città a città.

Roma - gli autisti si fermeranno dalle 8.30 alle 17 per poi riprendere alle 20 fino a fine servizio. 

Milano
- sciopero dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 fino a fine servizio. Il Comune ha sospeso l'Area C per l'intera giornata. Il prefetto invece ha precettato il personale di Atm che lavora sulla linea 1 (la rossa) della metropolitana perché garantisca il servizio anche dalle 8,45 alle 15 per l'avvio del salone Macef.

Treni -
I ferrovieri dell'Orsa non prendono servizio dalle 21 di giovedì 26 fino alle 21 di venerdì 27. Trenitalia assicura che circolerà regolarmente circa il 90% dei treni nazionali. Per quanto riguarda i treni media-lunga percorrenza, "saranno assicurati tutti i convogli elencati nell'apposita tabella dei treni previsti in caso di sciopero, consultabile sull'Orario ufficiale di Trenitalia e sul sito web fsitaliane.it. Per i treni regionali, invece, saranno garantiti i servizi essenziali assicurati per legge nelle fasce orarie più frequentate dai viaggiatori pendolari nei giorni feriali (6.00-9.00 e 18.00-21.00).

Aerei - Disagi potrebbero esserci in tutto il trasporto aereo per lo stop del personale di volo e di terra, dalle 10 alle 18. Alitalia ha invece revocato lo sciopero degli assistenti di volo dopo aver raggiunto un accordo con i sindacati sulle problematiche del personale di cabina.

I motivi dello sciopero -
Lo stop, si legge in una nota dei sindacati di base, è indetto "contro il governo Monti, che conferma le precedenti manovre, riduce il potere d'acquisto dei salari attraverso l'aumento dell'Iva, dell'Irpef locale, dei ticket sanitari, delle accise sulla benzina e l'adozione dell'Ici sulla prima casa, colpisce l'intero sistema pensionistico e il livello di vivibilità economica dei pensionati, privatizza beni comuni e servizi pubblici applicando i dettami della Bce e Unione Europea, che tutelano gli interessi del grande capitale bancario, finanziario ed economico, scaricando i costi della crisi capitalista sui lavoratori e sulle fasce di popolazione più disagiata".

Leggi tutto