Costa, prenotazioni sul web 48 ore dopo l'incidente

Costa Concordia davanti all'isola del Giglio. Fonte foto: Getty Images
1' di lettura

Un giornalista inglese, il 15 gennaio, è riuscito ad acquistare un biglietto per la nave affondata davanti all'isola del Giglio. La compagnia: nelle prime ore la nostra priorità è stata assistere le persone coinvolte e prevenire un impatto sull'ambiente

LO SPECIALE: foto, video e ultime notizieL'ALBUM: Tutte le immagini - TUTTI I VIDEO

LA CONFERENZA STAMPA
: Costa Crociere: "Un errore umano"

LE TELEFONATE - "Schettino, salga a bordo": l'audio della telefonata - La Costa Concordia alla capitaneria: "Abbiamo un black out"

Biglietti per una crociera Costa Concordia in programma per aprile erano ancora acquistabili online, sul sito della compagnia, due giorni dopo il naufragio. Lo ha verificato un giornalista inglese, Simon Calder, che scrive di trasporti sull'Independent, secondo quanto ha riferito lui stesso alla Bbc.
Domenica 15 gennaio, ovvero 48 ore dopo l'incidente, Calder ha visitato il sito Internet della Costa Concordia per scoprire che non compariva alcuna informazione su eventuali rimborsi o sostituzioni per le crociere già prenotate, è rimasto però stupito nell'accorgersi che sul sito veniva pubblicizzata una promozione per una crociera sulla Costa Concordia, la nave affondata due giorni prima, ma per il prossimo aprile.

Documenti di viaggio in mano 48 ore dopo il naufragio -
"Mi sono detto che era il caso di verificare, perché chiaramente non possono continuare a vendere biglietti" dopo che la nave è naufragata, ha detto il giornalista alla Bbc. "Ma me l'hanno venduto, hanno preso il denaro e il lunedì 16 (il giorno successivo, ndr) mi è stata inviata la conferma con anche il numero della cabina assegnatami".

La risposta di Costa Crociere  - Interpellata in proposito, l'azienda ha fatto sapere di aver iniziato a chiudere il sistema di prenotazione crociere sulla
nave sabato 14 gennaio ed aver terminato lunedì 16. "Nelle prime ore successive all'emergenza la priorità per tutta l'azienda era senza dubbio gestire le operazioni di assistenza alle persone coinvolte nell'incidente e porre in essere tutte le misure necessarie per prevenire un impatto sull'ambiente", si legge ancora nel comunicato dell'azienda. "E' quindi
possibile che nelle ore successive all'incidente il sistema di prenotazione accettasse ancora delle prenotazioni".

Leggi tutto