Lombardia, l'ex assessore Ponzoni si è costituito

Massimo Ponzoni, ex assessore regione Lombardia
1' di lettura

Il consigliere regionale Pdl è coinvolto in un'inchiesta per appropriazione indebita, bancarotta fraudolenta, corruzione, concussione e peculato. Il Gip di Monza aveva emesso un mandato di arresto nei suoi confronti. Gli avvocati: "Risponderà ai giudici"

Gli altri casi giudiziari che riguardano la Lombardia:
Franco Nicoli Cristiani (Pdl) - Filippo Penati (Pd) - Prosperini (Pdl) - L'inchiesta Montecity - Loris Cereda - Mirko Pennisi (Pdl)

L'ex assessore della Lombardia e consigliere regionale Pdl Massimo Ponzoni, per il quale lunedì 16 gennaio il gip di Monza ha emesso un provvedimento di custodia cautelare in carcere, si è costituito la mattina di martedì 17 nella caserma della Guardia di Finanza di Monza.

Ponzoni è coinvolto in un'inchiesta per appropriazione indebita, bancarotta fraudolenta - nell'ambito del crac della società Pellicano - corruzione, concussione e peculato. Oltre a Ponzoni, i provvedimenti di custodia in carcere riguardano Antonino Brambilla, vice presidente della provincia di Monza e Brianza, e Filippo Duzzoni, imprenditore bergamasco. Ai domiciliari sono invece finiti Rosario Perri, già assessore della provincia di Monza e Brianza nonché dirigente del settore tecnico del comune di Desio, e Franco Riva, commercialista di Cesano Maderno, già sindaco e assessore all'Urbanistica del comune di Giussano.

"Massimo Ponzoni non era in fuga tant'è che non appena ha appreso la notizia dell'ordine di arresto è rientrato per costituirsi", ha detto l'avvocato Sergio Spagnolo che insieme al collega Luca Ricci difende l'ex assessore regionale L'avvocato Spagnolo ha precisato che il suo assistito non era assolutamente all'estero ma che era semplicemente fuori Milano. Il legale ha inoltre assicurato che Ponzoni in sede di interrogatorio di garanzia risponderà alle domande del gip. "Sui nuovi episodi contestati - ha detto - avrà molto da dire. Siamo più sereni perché ora con l'ordinanza, ci sono contestazioni specifiche a cui risponderemo punto per punto". Ponzoni, annunciano infine i suoi legali, si è dimesso dall'incarico di segretario alla Presidenza del Consiglio regionale.

Leggi tutto