Milano, al via Area C: calati del 33% gli ingressi in centro

1' di lettura

Primo giorno con il ticket di 5 euro per entrare in macchina nella cerchia dei bastioni. In aumento del 6% i passeggeri sui mezzi pubblici. L'opposizione contesta la giunta Pisapia. L'Atm annuncia: abbonamenti gratuiti per disoccupati e precari

Guarda anche:
Smog, le città italiane non se la passano bene
Milano: "Ne abbiamo pieni i polmoni"
Milano, referendum ambientali: ok allargamento Ecopass

Nel primo giorno di applicazione di Area C, che prevede un ticket di 5 euro per entrare con l'auto nel centro di Milano dalle 7.30 alle 19.30, il traffico si è ridotto del 33% e si è registrato un aumento del 6% dei passeggeri sui mezzi pubblici. Lo ha reso noto il Comune nella serata di lunedì 16.

"È andata bene, Area C può funzionare", ha detto in una nota l'assessore alla Mobilità, Ambiente, Arredo urbano e Verde, Pierfrancesco Maran, a proposito del provvedimento, criticato dall'opposizione comunale. "Abbiamo ridotto il traffico del 33%. Gli ingressi dei veicoli dalle 7.30 alle 12.30 sono diminuiti, passando da 56mila della settimana scorsa a 37.600 registrati questa mattina dalle telecamere ai varchi di entrata nella Cerchia dei Bastioni", ha aggiunto.

Palazzo Marino fa sapere che "milanesi e pendolari hanno accolto il provvedimento entrando di meno con le auto nel centro o, in minima parte, anticipando l'ingresso a prima delle 7.30, orario di attivazione delle telecamere: dalle 6 alle 7.30 gli ingressi nella Cerchia sono stati mille in più rispetto alla settimana scorsa (sono passati da 8.000 a 9.000)".

Crescono i passeggeri Atm -
Per quanto riguarda il trasporto pubblico, secondo Atm l'incremento di passeggeri sulle tre linee della metropolitana nelle ore di punta della mattina, fino alle 10, è stato del 6%: 5.500 persone in più di cui duemila sulla linea 1, altrettante sulla 2 e 1.500 sulla linea 3. In crescita anche l'uso del bike sharing: più 10% rispetto alla media di una giornata invernale.

Le contestazioni -
Non sono mancate le polemiche e le contestazioni. Circa un centinaio di militanti del centrodestra ha risposto all'appello del partito e si è presentato in piazza della Scala per firmare un referendum abrogativo del ticket da 5 euro. Anche la Lega Nord ha organizzato un'iniziativa di protesta contro il provvedimento davanti all'edificio, in concomitanza con la discussione su Area C nell'aula del Consiglio comunale. Una quindicina, tra cui consiglieri comunali e di zona del Carroccio, si sono offerti ai fotografi con indosso t-shirt con la scritta 'Pisapia C tassa'.

Sul web -
Il debutto di Area C ha fatto discutere gli utenti dei social network: su twitter l’hashtag #AreaC è stato trend topic per la maggior parte della mattinata. Sul sito www.areac.it, invece, che consente il calcolo immediato delle transazioni, sono stati effettuati 8.000 acquisti di ticket e 9.000 registrazioni tra residenti (7.000) e commercianti e artigiani (2.000), per un totale di 17.000 operazioni.

Gli abbonamenti gratuiti Atm -
Ma nel primo giorno di Area C sono state comunicate anche importanti agevolazioni per il trasporto pubblico urbano. Grazie a uno stanziamento di 500 mila euro, il Comune ha dato il via a questa iniziativa che consentirà di erogare abbonamenti Atm annuali completamenti gratuiti destinati ai milanesi senza lavoro, in cassa integrazione o lavoratori precari tra i 18 e i 32 anni, che ne faranno richiesta. Il provvedimento rientra nel fondo anticrisi di Palazzo Marino. Gli abbonamenti saranno assegnati fino a esaurimento del fondo stanziato e in base all'ordine di arrivo delle domande. Per farne richiesta bisogna compilare il modulo di adesione presente sul portale dell'amministrazione comunale, oppure sul sito www.lavoroeformazioneincomune.it (dal 1 febbraio) e inviarlo.

Il video del Comune che spiega il funzionamento dell'Area C

Leggi tutto