Naufragio al Giglio: salvo Marrico, l'ufficiale eroe. VIDEO

1' di lettura

Il capo commissario di bordo è stato recuperato 36 ore dopo l'incidente con un elicottero. Lo hanno trovato nel ristorante del ponte 3 della nave dove era tornato per aiutare i passeggeri a salire sulle scialuppe. GUARDA LE IMMAGINI

Guarda anche:

FOTO: Le prime foto - La notizia fa il giro del mondo - I naufraghi - Le testimonianze sul web - Lo squarcio di 70 metri - Il Gigante dei mari prima e dopo - Il salvataggio della coppia di sposi - Cento anni di disastri in mare - Il commissario soccorso in elicottero

VIDEO: I soccorsi visti dall'alto- Il racconto dei testimoni - Paura sulla scialuppa: il filmato - L'odissea di una famiglia cilena

INTERVISTE: Il procuratore: "Una manovra azzardata" - Il direttore di Costa Crociere: "Difficile dire cosa sia successo" - Il ministro Clini: "Le navi crociera sono pericolose"

APPROFONDIMENTI
: La cronaca - Rotta sbagliata o scoglio non segnalato? - Il giallo del saluto al Giglio: era una prassi?Un "gigante del mare" di 115 tonnellate - I precedenti - La rotta della nave: mappa - I dubbi dal web - Sport: la nave dove De Laurentiis riabbracciò il Pocho - L'allerta ambientale

(In fondo all'articolo tutti i video sul naufragio)

Le polemiche e le accuse dei naufraghi per "il caos" e i ritardi dei soccorsi a bordo della Costa Concordia, non sembrano proprio riguardare Marrico Giampetroni, il capo commissario di bordo salvato dopo 36 ore dai vigili del fuoco (GUARDA LE FOTO). Per molti già un 'eroe' della tragedia di venerdì 13, lui nel ristorante del ponte 3 della nave, dove lo hanno trovato i soccorritori, c'era tornato per verificare che tutti fossero usciti dalle cabine, dopo aver aiutato altri passeggeri a salire sulle scialuppe, e aver dato ordini agli altri membri dell'equipaggio. Lì ha rischiato di morire: non poteva risalire sul ponte. E' scivolato, si è rotto una gamba, ma nonostante l"'incubo" ha "sempre sperato nella salvezza", come ha detto all'arrivo all'ospedale di Grosseto.

Giampietroni, 56 anni, di Ameglia (La Spezia), è riuscito a rimanere vigile, ad ascoltare quanto succedeva intorno, a richiamare l'attenzione dei vigili del fuoco quando li ha sentiti vicini nonostante per un giorno e due notti fosse rimasto al buio e al freddo. Le immagini della barella issata con il verricello a bordo di un elicottero hanno fatto il giro del mondo. Al suo arrivo a Grosseto è stato subito visitato dai medici che lo hanno ricoverato, a scopo precauzionale, in rianimazione: ha una sindrome da schiacciamento, una frattura scomposta e uno stato di ipotermia, ma non e' in pericolo di vita.

Lo ha sicuramente aiutato l'esperienza maturata a bordo delle navi della Costa dove, ha spiegato la mamma, Giovanna Lazzerini, 78 anni, raggiunta al telefono dall'emittente locale ligure Primocanale, appena appresa la notizia del suo ritrovamento, "Marrico e' entrato alla Costa a 18 anni subito dopo il diploma. E' stato macchinista poi e' diventato 'hotel director' con la qualifica di capo commissario". Una vita sulle navi della Costa, in mezzo a gente che vuole pensare solo divertirsi, che per una settimana non vuole problemi e che venerdì sera, improvvisamente, si è trovata a vivere gli incubi visti fino ad allora solo al cinema o in tv.

La mamma lo ha sentito solo per pochi minuti "mi ha detto che ha un po' male alla gamba, ma che sta bene. Parlargli è stato come rinascere. Se mi avessero detto che era morto, morivo anch'io". Ed è l'anziana donna a spiegare cosa ha fatto il figlio, consapevole di rischiare la propria vita, confermando i racconti di molti passeggeri: "mi ha detto di avere aiutato molte persone a salire sulle scialuppe di salvataggio. Era mezzanotte. Poi è andato a cercare nelle cabine se era rimasto qualcuno. Ma è scivolato e si è rotto una gamba, rimanendo bloccato". Quasi certamente Giampietroni dovrà essere sottoposto a un intervento chirurgico ma i medici sono ottimisti. E lo vogliono essere anche i tanti naufraghi che a lui devono la vita.

Leggi tutto