Il direttore di Costa Crociere: "Tragedia senza precedenti"

1' di lettura

"La nave compie quella rotta 52 volte l'anno, è difficile capire cosa sia successo" dice Gianni Onorato. "Dagli abitanti dell'isola del Giglio una prova straordinaria di solidarietà". VIDEO

Guarda anche:

FOTO: Le prime foto della nave naufragata - La notizia fa il giro del mondo - I naufraghi della Costa Concordia - Le testimonianze sul web - Uno squarcio di 70 metri nella nave

VIDEO: I soccorsi visti dall'alto- Il racconto dei testimoni

APPROFONDIMENTI
: Costa concordia: un "gigante del mare" di 115 tonnellate - Dalla Moby Prince alla "strage di Natale": i precedenti - La rotta della nave: mappa

(In fondo all'articolo tutti i video sul naufragio)

"E’ difficile dire cosa è successo. Le autorità hanno la nostra piena collaborazione per capire le ragioni di questa tragedia senza precedenti nella nostra storia". Così Gianni Onorato, direttore generale di Costa Crociere, commenta il naufragio di una nave della compagnia vicino all'isola del Giglio. "Guardia costiera, autorità, forze dell’ordine e cittadini hanno dato un contributo incredibile, accolto i nostri ospiti nelle loro case - continua - E’ stata una grande prova di solidarietà".
Sulla dinamica dell'incidente spiega: "La nave procedeva come fa 52 volte l’anno quando per ragioni da chiarire ha urtato uno scoglio. Il comandante, che era sul ponte, ha valutato i primi danni e ha deciso di mettere in sicurezza la nave e ha dato l'ordine di evacuazione". "Purtroppo una inclinazione molto veloce - spiega Onorato - ha interrotto l'evacuazione normale e la situazione si è complicata, non permettendo di operare con le scialuppe. A quel punto è intervenuta la Guardia Costiera".

Leggi tutto