Al via l’esodo di Natale, con il maltempo al Sud

1' di lettura

Scatta dal pomeriggio di giovedì 22 dicembre, con la chiusura delle scuole nelle maggior parte delle regioni, la prima fase di partenze. Su A1 e A14 previsti i flussi più intensi. Ancora neve e pioggia al meridione. Il tempo migliorerà venerdì. PREVISIONI

Guarda anche:
Le previsioni del tempo
L'album fotografico del maltempo in Italia

Scatta giovedì 22 dicembre, con la chiusura delle scuole nella maggior parte delle regioni, la prima fase dell’esodo di Natale. Molti italiani si metteranno in viaggio nel pomeriggio per raggiungere il luogo dove trascorrere le vacanze.
Secondo Autostrade per l’Italia il traffico sarà intenso già da questa giornata, anche se il bollino rosso è atteso per venerdì 23 dicembre fino alle ultime partenze, più diluite, del 24 mattino. I flussi maggiori si concentreranno come al solito dal Nord al Sud, in particolare sull'A1 e sull'A14 Adriatica. Da non sottovalutare anche il traffico sulla A4 Milano-Brescia in direzione Venezia e sulla A9 verso la Svizzera. E ovviamente quello in uscita dalle grandi città, che si svuoteranno come ogni anno per le feste.
Sul sito delle Autostrade è inoltre possibile consultare i tratti in cui vige l’obbligo di catene a bordo.

L’esodo, almeno nella prima parte, quella di giovedì 22, sarà caratterizzato anche dalle cattive condizioni meteorologiche al Sud, dove vento forte e neve anche a bassa quota stanno creando qualche disagio.
La Protezione Civile ha emesso un nuovo avviso di avverse condizioni meteorologiche che prevede "venti forti dai quadranti settentrionali su tutto il sud del Paese e sulle regioni del medio Adriatico, caratterizzati da rinforzi fino a burrasca forte e mareggiate lungo le coste esposte".
L'allerta prevede inoltre nevicate fino a 300-400 metri di quota localmente moderate su Abruzzo, Molise e Puglia settentrionale. Precipitazioni nevose, mediamente al di sopra dei 400-600 metri, continueranno a interessare le regioni del Meridione e la Sicilia.
“In considerazione del traffico – avverte la Protezione civile – si raccomanda a chi si metterà in viaggio nelle prossime ore nelle zone interessate dal maltempo particolare cautela nella guida, moderando la velocità, rispettando le distanze di sicurezza e informandosi preventivamente sulle condizioni della viabilità e sull'opportunità di munirsi di catene o pneumatici da neve per il percorso che si intende seguire”.
Il tempo migliorerà già dalla giornata di venerdì, quando il sole tornerà a splendere sulle regioni meridionali. Resta però il pericolo di gelate, oltre alla nebbia che tornerà invece su quelle più settentrionali.

Leggi tutto