Calcioscommesse: arrestato Cristiano Doni

1' di lettura

La procura di Cremona esegue diciasette misure cautelari in carcere per partite truccate nel campionato di serie B. E' la seconda tranche dell'inchiesta che a giugno scorso portò al fermo di Beppe Signori

FOTOL'ALBUM - Le lacrime di Signori

VIDEO:
I 18 match sospetti - Orgoglio atalantino: tifosi in piazza

APPROFONDIMENTI: I numeri dell'inchiesta "Last Bet"

(In fondo all'articolo i video sul calcioscommesse)

L'ex capitano dell'Atalanta Cristiano Doni è stato arrestato dalla Polizia nell'ambito dell'inchiesta sul calcio scommesse. Doni, secondo l'accusa, sarebbe coinvolto nella combine di almeno tre incontri dell'Atalanta del campionato di serie B dell'anno scorso. Doni è già stato sospeso per tre anni dalla giustizia sportiva dopo che la prima fase dell'indagine della procura di Cremona, a giugno scorso, aveva portato alla luce un suo coinvolgimento. Secondo l'accusa Doni deve andare in carcere perché, assieme a Antonio Benfenati (gestore di uno stabilimento di Cervia) e all'ex preparatore atletico del Ravenna, Nicola Santoni, sarebbe coinvolto nella combine di alcune partite del campionato scorso dell'Atalanta. Secondo gli inquirenti le partite truccate riguarderebbero il campionato di serie B del 2009-2010 e del 2010-2011.

Oltre a Doni sono finiti in carcere anche altri ex giocatori e alcuni atleti ancora in attività. I giocatori e gli ex, sostiene la procura di Cremona, sarebbero i referenti nel nostro paese dell'organizzazione, con il vertice a Singapore, dedita ad alterare i risultati delle partite. Gli atleti arebbero stati corrotti per falsare i risultati degli incontri su cui l'organizzazione aveva scommesso forti somme di denaro. Gli indagati devono rispondere di reati quali associazione per delinquere finalizzata alla truffa e frode sportiva.  L'operazione di oggi, fa sapere la polizia, costituisce la seconda tranche dell'inchiesta, sempre condotta dalla Procura della Repubblica di Cremona, conclusasi lo scorso giugno con la cattura di 16 altri indagati, tra i quali l'ex calciatore Beppe Signori.

Leggi tutto