Sciopero del pubblico impiego, si fermano scuola e sanità

1' di lettura

Lunedì 19 dicembre è stata indetta dai sindacati di categoria l’agitazione a sostegno di una manovra economica più equa. A incrociare le braccia anche medici e infermieri: garantite solo le urgenze. A Roma previsto un presidio in Piazza Montecitorio

Guarda anche:
Sciopero del pubblico impiego. LE FOTO

La manovra approda in Senato
Manovra, dalla Camera 495 sì alla fiducia
Venerdì 16 dicembre c'era stato lo sciopero dei trasporti

Dalla scuola alla sanità, a rischio i servizi pubblici lunedì 19 per lo sciopero nazionale unitario indetto dai sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil, per chiedere una manovra più equa. Venerdì 16 dicembre si erano fermati invece i mezzi pubblici, creando disagi in tutte le città italiane.
Per i lavoratori pubblici lo sciopero sarà di 8 ore mentre per il settore della conoscenza le modalità sono diverse: per la scuola sarà di un'ora (al termine delle lezioni o del servizio) mentre per i lavoratori dell'università, della ricerca e Afam (Alta formazione artistica, musicale e coreutica) sarà per l'intera giornata.

Per quanto riguarda la sanità, ad incrociare le braccia saranno anche i medici ed i veterinari. Sono garantite le prestazioni essenziali e le urgenze ed il servizio di pronto soccorso. Disagi in vista per gli uffici pubblici: ritirare un certificato all'Anagrafe o un qualsiasi altro documento potrebbe risultare difficile. Possibili problemi anche per chi dovrà pagare bollette o spedire pacchi alle Poste. Sempre per lunedì è infatti in programma lo sciopero unitario dei lavoratori delle Poste italiane per le ultime tre ore di turno. Stessa modalità e stesso giorno anche per i lavoratori dell'energia (elettrici, petrolio, gas-acqua): l'astensione dal lavoro per i dipendenti giornalieri è prevista nelle prime tre ore del mattino, mentre sono esentati dallo sciopero i lavoratori turnisti delle centrali di produzione elettrica, della rete e del dispacciamento, limitatamente alle prestazioni in turno. Saranno garantite le prestazioni indispensabili.

In concomitanza con lo sciopero, in tutta Italia ci saranno quindi presidi e manifestazioni per chiedere "un cambio radicale della manovra nel segno dell'equità”.
I lavoratori del pubblico impiego e della conoscenza scenderanno in piazza dalle ore 9.30 alle ore 12.30. A Roma saranno in Piazza Montecitorio dove si terrà un presidio nazionale, al quale saranno presenti, tra gli altri, i segretari generali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl. Al centro della mobilitazione unitaria, la richiesta di modificare il testo della manovra durante l'iter parlamentare, che ora approda al Senato.

Leggi tutto