Piogge e vento: l'Italia alle prese col maltempo

1' di lettura

Da Nord a Sud torna il freddo, insieme con forti raffiche. Disagi a Ciampino e a Capri. Pericolo valanghe in Valle D'Aosta, mentre una tromba d'aria ha colpito il vicentino. Un morto a Livorno. LE PREVISIONI DEL TEMPO

Guarda anche:
Maltempo, tutte le foto
Le previsioni del tempo

Neve, mareggiate e temperature a picco. Un weekend nel segno del maltempo in Italia a pochi giorni dall'inizio della stagione invernale. Disagi si sono verificati nella circolazione, soprattutto quella marittima verso le isole campane e la Sardegna.
E c'è stato anche un morto: un anziano nel livornese caduto dal tetto della sua abitazione mentre tentava di ripararlo dopo i danni del forte vento notturno.

Bloccate Ischia, Procida e Capri - Particolarmente colpita dalle raffiche di maestrale la Campania. Il mare forza 5 ed il vento che ha soffiato fino a 40 nodi hanno bloccato navi, aliscafi e catamarani nei porti, isolando Ischia, Procida e Capri dalla terraferma. Una sola corsa è stata effettuata in mattinata da Capri verso Napoli, poi il blocco totale. Sull'isola si è abbattuta una vera e propria tempesta, con onde che hanno superato i cinque metri di altezza.

Mare forza 9 in Sardegna - Collegamenti marittimi sospesi anche tra la Sardegna e la penisola a causa delle avverse condizioni del mare con moto ondoso forza 9 e maestrale a circa 30 chilometri orari. Traghetti in porto sia a Nord che a Sud dell'isola. Fino al tardo pomeriggio di sabato 17 dicembre, quando la situazione si è sbloccata.
Alle 18 è salpata regolarmente da Cagliari la nave Nomentana diretta a Civitavecchia.

Problemi a Ciampino - Ore di ansia e paura, poi, sul litorale laziale, sferzato dall'ondata di maltempo che ha colpito l'intera regione. Una forte mareggiata ha interessato tutta la costa, con i pescherecci che hanno avuto diversi problemi all'interno del porto canale di Fiumicino. In Ciociaria è arrivata la prima neve della stagione, con la Protezione Civile della Provincia messa in allerta.
Per il forte vento due voli, impossibilitati ad atterrare all'aeroporto di Ciampino, sono stati fatti invece arrivare all'aeroporto Leonardo da Vinci.

Tromba d'aria nel vicentino - Spostandosi al Nord, una tromba d'aria ha interessato la notte tra il 16 e il 17 dicembre il versante nord dell'Altopiano di Asiago (Vicenza), ai confini con il Trentino Alto Adige, abbattendo completamente una vasta area di bosco estesa per circa 150 metri in lunghezza e un centinaio di metri in larghezza. Il fenomeno, inusuale per il periodo, è avvenuto a Ghertele: alcuni tronchi di grosse dimensioni sono caduti sulla strada e hanno portato alla chiusura per un paio d'ore dell'ex-statale del 'Costo' 349, che collega le due regioni. Prima nevicata, inoltre, a Cortina, che ha potuto così aprire alcune piste da sci.

Pericolo valanghe in Valle d'Aosta - Allerta anche in Valle d'Aosta, dove si segnalano, in seguito all'abbondante nevicata delle ore scorse, numerose grandi valanghe spontanee, anche dai pendii moderatamente ripidi, in grado di percorrere elevati dislivelli ed interessare viabilita' ed infrastrutture dei fondovalle. Il grado di pericolo valanghe riamane a 5 (molto forte) in Valgrisenche, Valdigne, Gran San Bernardo, Valpelline, alta Valtournenche e nella Val di Rhe'mes. Sul restante territorio il grado di pericolo previsto permane pari a 4 (forte).

Leggi tutto