Roma, un'altra busta esplosiva contro Equitalia

1' di lettura

L’allarme è stato dato dai dipendenti dell’ufficio di Lungotevere Flaminio insospettiti dalla polvere nera che fuoriusciva dal plico. Gli artificieri: poteva esplodere. Una settimana fa un pacco bomba aveva ferito il direttore generale Marco Cuccagna

Guarda anche:
Pacchi bomba, l'allarme resta alto
Pacco bomba a Equitalia: ferito il direttore generale
Equitalia, il recupero delle tasse tra rabbia e proteste

Una altra busta esplosiva è arrivata giovedì mattina nell'ufficio di Equitalia di Lungotevere Flaminio, a Roma. Lo ha riferito la polizia. "I dipendenti si sono insospettiti perché da questa busta fuoriusciva una polvere nera", ha spiegato al telefono un portavoce della polizia.
"Sul posto sono giunti gli artificieri, che hanno eseguito il test per verificare se la polvere fosse esplosiva. E il test ha dato esito positivo", ha aggiunto un altro portavoce.
La missiva non era stata inviata ad alcuna persona specifica, ma aveva un indirizzo generico,  conteneva un lettera bianca e aveva all'interno un congegno con un innesco.

La settimana scorsa un altro pacco bomba era esploso nella sede centrale di Equitalia di Roma, ferendo il direttore generale Marco Cuccagna. Il pacco bomba era stato rivendicato dagli anarchici della Fai, così come quello intercettato due giorni prima alla Deutsche Bank di Francoforte. Un altro pacco bomba simile era giunto lunedì all'ambasciata greca di Parigi.

Leggi tutto