Rifiuti a Napoli, Clini: "Non escludo intervento esercito"

1' di lettura

Strade di nuovo invase dalla spazzatura, nel capoluogo campano, per lo sciopero degli operatori ecologici. Il ministro dell'Ambiente: "Il termovalorizzatore serve". No da De Magistris: "Aspettiamo risposte sulla differenziata". VIDEO

Guarda anche:
Tutte le foto dell'emergenza rifiuti
Rifiuti, scade l'ultimatum Ue e Napoli chiede una proroga

Napoli di nuovo sommersa dai rifiuti per lo sciopero degli operatori ecologici che chiedono il rinnovo del contratto nazionale di lavoro. Il sindaco Luigi De Magistris assicura che il disagio è temporaneo e non avrà ripercussioni sulle festività natalizie, ma il nodo dell’emergenza rifiuti in Campania resta da sciogliere, con l’Unione europea pronta a applicare sanzioni nei confronti del nostro Paese. Il governo ha chiesto due mesi di tempo per affrontare il problema e il ministro dell'Ambente, Corrado Clini, non esclude "il contributo delle forze dell'ordine e dell'esercito qualora si verifichino situazioni eccezionali e non negioziabili come a Napoli". In un’intervista al Mattino, inoltre, Clini, ha insistito sulla necessità di un termovalorizzatore. "Noi siamo contrari, attendiamo risposte sulla raccolta differenziata" è la replica del sindaco De Magistris.

Leggi tutto