Scarcelli, un testimone: la massa di fango ha travolto tutto

1' di lettura

Dopo la frana che ha provocato la morte di tre persone, nel paesino del messinese restano dolore e detriti. "Padre e figlio stavano chiacchierando in casa quando sono stati travolti", dice un vicino di casa delle vittime. IL RACCONTO

Guarda anche:
Foto: Il giorno dopo - Testimonianze da Facebook - Treno deraglia in Calabria - Le prime immagini

Articoli e servizi: Napolitano: "Urgenti politiche di prevenzione" - Oltre 30 vittime tra settembre e novembre -Sul web ci si mobilita per gli alluvionati - Imposte ecologiche, solo l'1% contro il dissesto ambientale - Il ministro Clini: "Spostare attività e residenze"

Speciali: Due anni fa l'alluvione a Messina - 2011: Alluvione in Liguria e Toscana

LE PREVISIONI DEL TEMPO

(in fondo all'articolo tutti i video sull'emergenza)

Un’immensa distesa di fango e il silenzio tutto attorno. Questo è ciò che resta a Scarcelli, dopo la frana che la notte tra il 22 e il 23 novembre ha travolto il paesino del messinese (FOTOprovocando la morte di tre persone: un uomo di 55 anni, il figlio di 28 e un bambino di 10 anni. “La frana si è staccata dal costone e ha travolto la casa dove abitavano le vittime”. Un testimone ripercorre così ai microfoni di SkyTG24 gli attimi della tragedia. Indica con il dito il punto esatto dove la terra e il fango hanno inghiottito la vita di tre persone. "Padre e figlio erano a casa, stavano chiacchierando. La madre, invece, era scesa nell’altra abitazione" lontana solo qualche metro. “Nel momento in cui è arrivata la massa di fango – continua l’uomo – li ha travolti”. Poi aggiunge: “Mia madre e mia nipote hanno sentito battere sul muro, era una richiesta di aiuto”.

Leggi tutto