Maltempo, si continua a scavare nel messinese

1' di lettura

A Saponara si lavora ancora per liberare il paese dal fango. L'allerta meteo intanto si sposta nelle altre regioni dell'Italia meridionale. Previste forti precipitazioni in Calabria, Basilicata e nel Salento. Attenzione alta anche in Sardegna

Guarda anche:
Foto: Il giorno dopo - Testimonianze da Facebook - Treno deraglia in Calabria - Le prime immagini

Articoli e servizi: Napolitano: "Urgenti politiche di prevenzione" - Oltre 30 vittime tra settembre e novembre -Sul web ci si mobilita per gli alluvionati - Imposte ecologiche, solo l'1% contro il dissesto ambientale - Il ministro Clini: "Spostare attività e residenze"

Speciali: Due anni fa l'alluvione a Messina - 2011: Alluvione in Liguria e Toscana

LE PREVISIONI DEL TEMPO

(in fondo all'articolo tutti i video sull'emergenza)

E' trascorsa senza problemi la notte a Saponara, il paese sulla fascia tirrenica del Messinese dove martedì sera una frana causata dal maltempo ha travolto e ucciso tre persone: un bambino di dieci anni, Luca Vinci, un operaio delle acciaierie di Milazzo, Luigi Valla, 55 anni, e il figlio Beppe, 28 anni, laureando in Medicina. Nelle zone colpite dall'alluvione si è registrata solo una leggera pioggia, che non ha provocato grossi disagi, anche se permane lo stato di allerta di "moderata criticità" diffuso dalla Protezione Civile regionale.

Prosegue intanto il lavoro di monitoraggio svolto dall'unità di crisi istituita presso la Prefettura di Messina, dove mercoledì pomeriggio si è svolto un vertice con la partecipazione del Ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri, di quello dell'ambiente Corrado Clini e del capo Dipartimento della Protezione Civile, Franco Gabrielli. A Saponara si continua a scavare per liberare le case e la strade dal fango nel piccolo borgo di Scarcelli, la frazione del Comune dove si è staccato il costone roccioso che ha provocato la frana. Il sindaco, Nicola Venuto, ieri ha firmato anche un ordine di evacuazione per 12 famiglie che abitano in edifici ritenuti a rischio dalle squadre dei vigili del fuoco.

Intanto l'allarme per il maltempo si sposta in altre regioni del Sud Italia. In Calabria e Basilicata sono previste forti precipitazini sulla costa ionica a partire dal primo pomeriggio di giovedì, mentre forti rovesci sono previsti anche in Puglia, nella zona salentina. Attenzione alta anche in Sardegna, dove la protezione civile ha diramato un avviso di allerta per rischio idrogeologico di criticità  moderata a partire dalle prime ore di giovedì e per le prossime 24-36 ore. Si prevedono precipitazioni anche a  carattere di rovescio o temporale sui bacini del Campidano,  Flumendosa-Flumineddu e Gallura. I fenomeni potranno dar luogo a rovesci di forte intensita',  frequente attivita' elettrica e forti raffiche di vento. Possibili  mareggiate lungo le coste esposte.

Leggi tutto