Agguato di Ostia, Alemanno: "Ormai è emergenza criminalità"

1' di lettura

L’allarme del sindaco di Roma per l’escalation di violenza dopo l’ultimo episodio costato la vita a due pregiudicati legati alla Banda della Magliana: "Parlerò con il ministro dell’Interno, serve una vera e propria inchiesta antimafia"

Guarda anche:
ROMA VIOLENTA: LO SPECIALE

L'agguato di Ostia: due vittime

"A Roma siamo di fronte a una emergenza e questa va fronteggiata con misure drastiche". Così il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha commentato gli ultimi episodi di sangue avvenuti nella Capitale. L'ultimo si è verificato martedì 22 novembre a Ostia ed è costato la vita a due pregiudicati.
"E' ormai chiaro - ha aggiunto - che c'è un attacco della criminalità organizzata alla nostra città. Mi era stato detto che si trattava di episodi isolati e quindi di situazioni non da criminalità organizzata. Ma questo tipo di letture sono ormai inaccettabili ed insufficienti".

“Servono provvedimenti e strategia per controllare il territorio” - “Servono provvedimenti di intelligence per capire i punti di contatto tra bande e criminalità organizzata ed è necessaria una vera e propria inchiesta antimafia sul nostro territorio”, aggiunge Alemanno. “Inoltre - ha proseguito - ci vuole una strategia di controllo del territorio che affermi la sovranità dello Stato sulla città, anche nelle zone più difficili".

“Parlerò con ministro, Roma deve essere protetta” - Gianni Alemanno spiega che parlerà al più presto con il ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri: "Quello che chiederò al nuovo ministro e al capo della polizia è che Roma deve essere protetta da questi aggressori. Bisogna evitare che nel 2011 ci sia un nuovo fenomeno come la banda della Magliana. Questo grave problema va risolto grazie a una  strategia complessiva mediante una mobilitazione dello Stato".

Ascoltati due testimoni dell’agguato - Intanto ad occuparsi delle indagini sarà proprio la direzione distrettuale antimafia. Già nella giornata di martedì. per il sopralluogo e i primi atti urgenti, Giovanni Bombardieri della Dda ha affiancato la collega di turno esterno, Francesca Passaniti. Le indagini, però, saranno portate avanti dal pm Carlo Lasperanza, sempre assegnato alla Distrettuale, con il coordinamento del procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo. Sotto i colpi di killer sono morti Giovanni Galleoni e Francesco Antonini, due boss di Ostia, legati alla vecchia eredità della banda della Magliana. Per tutta la notte sono stati ascoltati i due operai che lavoravano alla ristrutturazione di un locale dentro il quale si era rifugiato uno dei due boss già ferito e poi morto. I due potrebbero avere assistito all'agguato o almeno alla fase finale e dunque fornire preziose indicazioni per le indagini.

Convocato comitato ordine pubblico
- Nella giornata di mercoledì 23 novembre, intanto, il prefetto Giuseppe Pecoraro ha convocato proprio presso il commissariato di Ostia il comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza. L'allarme criminalità a Roma è ormai alto: dall'inizio dell'anno si contano 33 vittime in agguati e sparatorie nella guerra tra bande scatenata per il controllo del territorio e soprattutto dello spaccio di droga.

Il Prefetto di Roma: c'è il problema degli organici della Polizia VIDEO


Leggi tutto