Delitto dell'Olgiata: condannato a 16 il domestico filippino

1' di lettura

La contessa Alberica Filo Della Torre venne assassinata nella sua villa il 10 luglio del '91. Vent'anni dopo, tracce del Dna hanno incastrato Manuel Winston Reyes. Prescritto il reato di rapina

Manuel Winston Reyes è stato condannato a 16 anni di reclusione, al termine del giudizio con rito abbreviato (che consente uno sconto di un terzo della pena), per l'omicidio della contessa Alberica Filo Della Torre, assassinata nella sua villa all'Olgiata il 10 luglio del '91. Il pm Maria Francesca Loy, nella precedente udienza, aveva chiesto una condanna dell'imputato all'ergastolo.

L'ex domestico di casa Mattei è stato condannato solo per l'accusa di omicidio volontario. Il gup Massimo Di Lauro ha dichiarato, infatti, prescritto il reato di rapina. La procura aveva chiesto la condanna all'ergastolo. Al momento della lettura della sentenza in aula erano presenti il marito della contessa, Pietro Mattei e i due figli avuti dalla donna, Manfredi e Domitilla. Il filippino non ha fatto alcun commento con i suoi difensori e ha lasciato il palazzo di giustizia in manette scortato da due agenti di polizia penitenziaria. Neanche i familiari della vittima hanno voluto rilasciare dichiarazioni ai giornalisti alla fine dell'udienza.

"Finalmente si è detta la verità su questa vicenda", ha commentato il legale della famiglia Mattei Giuseppe Marazzita (guarda il video in alto). "C'è un qualche stupore per una sentenza forse troppo mite: 16 anni sono meno dei 20 anni che la famglia ha subito per arrivare a questo punto - ha continuato - ma è vero che questa clemenza è dovuta al rito abbreviato". "C'è amarezza  invece - ha concluso - che la negligenza di precedenti pm abbia portato alla prescrizione della rapina".

Leggi tutto