Genova, il sindaco Marta Vincenzi ancora contestata

Il sindaco di Genova Marta Vincenzi
1' di lettura

"Dimissioni, vergogna": questi gli slogan rivolti al primo cittadino, che in Consiglio comunale è tornato a difendersi. "Porto il peso di ciò che è successo, ma non farò il capro espiatorio" ha detto. Il Pdl ne chiede le dimissioni, il Pd la difende

Guarda anche:
Genova, il sindaco: "Porterò quei morti sulla coscienza"
"Vergogna, dimettiti": Genova contro il suo sindaco

La raccolta fondi di Sky e La Repubblica per gli alluvionati
Lo speciale sull'alluvione in Toscana e Liguria
Tutti gli aggiornamenti

LE FOTO: L'alluvione - Le immagini su Facebook - Le persone sorprese per strada - La città in ginocchio - Ciò che resta il giorno dopo - Gli sportivi su Twitter: "Siamo con voi" - Per le vie i relitti delle automobili

(In fondo all'articolo tutti i video sull'emergenza in Liguria e in Piemonte)

Marta Vincenzi si difende e non accetta di passare come unica colpevole per la gestione dell'alluvione a Genova che ha causato sei vittime. "Ho accettato tutte le manifestazioni di rabbia che mi sono rivolte. Credo però che non si debba individuare il sindaco come capro espiatorio per come e cosa ho potuto riferire nelle ore successive alla tragedia". Nella sua relazione al Consiglio comunale ha aggiunto: "Subito dopo l'alluvione ho risposto con dolore, stanchezza e confusione".
All'uscita da Palazzo Tursi, però, la Vincenzi è stata contestata da alcune decine di cittadini. "Dimissioni" e "Vergogna" sono stati gli slogan urlati dai manifestanti, che hanno anche esibito alcuni cartelli con la scritta "Tu non sei il mio sindaco". Alla protesta hanno partecipato comitati di cittadini e la Lega Nord. Già lo scorso sabato il sindaco era stato oggetto di dure contestazioni da parte dei genovesi (IL VIDEO).

La Vincenzi ha provato a spiegare in Consiglio comunale il perchè delle sue decisioni: "Se il comitato di Protezione civile mi avesse chiesto di fare un'ordinanza per chiudere le scuole, e mi avesse detto che su Genova sarebbe arrivata una tempesta tropicale, lo avrei fatto". Il sindaco parla di fatalità imprevedibili: "In un'ora sono caduti 169 millimetri d'acqua. Il Noa degli Stati Uniti ha classificato l'evento di Genova come tempesta tropicale".

Marta Vincenzi ha quindi auspicato che la magistratura accerti le responsabilità della tragedia e ha chiesto che si smetta di alimentare la caccia alle streghe. "Lo dobbiamo alle famiglie". Parlando della decisione di non chiudere le scuole, ha poi ammesso che "a posteriori le decisioni non sono state sufficienti".

Intanto diversi esponenti del Pdl hanno sottolineato che "il sottile legame che esisteva tra il sindaco di Genova Marta Vincenzi e i cittadini non c'é più, lei non rappresenta più la città".
Il Pdl ha chiesto l'istituzione di una commissione speciale d'indagine sugli eventi alluvionali del 4 novembre 2011 a Genova.
Dall'altra parte della barricata il Pd di Genova difende il sindaco e garantisce "sostegno convinto del partito". Si tratta della prima presa di posizione ufficiale dei colleghi di partito della Vincenzi, dopo che era già intervenuto in difesa del sindaco il segretario del Pd Pier Luigi Bersani. "Le accuse che abbiamo sentito sono state ingenerose, lei è diventata un bersaglio politico a prescindere da ogni eventuale resposabilità. La politica non può essere l'unica responsabile".

LE TESTIMONIANZE - La rabbia di chi ha perso tutto - "Ho visto tutto trascinato via" - "Il mio rientro nella città nel venerdì più nero" - "Così ho visto morire una bambina" - Il tam tam sul WebGli esperti: bisognava intervenire prima - Il sindaco Vincenzi: "Abbiamo fatto poco terrorismo"

GLI APPROFONDIMENTI - Così si muore a Genova - Un uomo trascinato per metri in balìa dell'acqua - I video amatoriali - Gli aggiornamenti in tempo reale - Salta la partita Genoa - Inter - Colpite le stesse zone dell'alluvione del 1970 - No al volontariato fai da te: i consigli - La mappa delle zone più colpite - Allerta in Piemonte: il Po fa paura

Leggi tutto