Genova: "Tutto veniva trascinato via dall'acqua". VIDEO

1' di lettura

Parla la studentessa che ha girato uno dei video sull'alluvione più visti su Youtube: "E' successo tutto in dieci minuti. La strada si è trasformata in fiume. La gente rischiava di venire travolta senza accorgersene". GUARDA IL FILMATO

Lo speciale sull'alluvione in Toscana e Liguria
Tutti gli aggiornamenti

LE FOTO: L'alluvione - Le immagini su Facebook - Le persone sorprese per strada - La città in ginocchio

LE TESTIMONIANZE - "Ho visto tutto trascinato via" - "Il mio rientro nella città nel venerdì più nero" - "Così ho visto morire una bambina" - Il tam tam sul Web -  - Gli esperti: bisognava intervenire prima - Il sindaco Vincenzi: "Abbiamo fatto poco terrorismo"

GLI APPROFONDIMENTI - Così si muore a Genova - Un uomo trascinato per metri in balìa dell'acqua - I video amatoriali - Gli aggiornamenti in tempo reale - Salta la partita Genoa - Inter - Colpite le stesse zone dell'alluvione del 1970

(In fondo all'articolo tutti i video sull'emergenza in Liguria)

di David Saltuari

"Nei miei ventidue anni di vita non ho mai visto nulla di simile. E spero di non rivederlo mai più." Lei, Giulia Selene Zunino,  studentessa di Genova, è l'autrice di due dei video su Youtube più visti dell'alluvione (guardali qui sopra) che ha colpito Genova venerdì 4 novembre. A Sky.it racconta quella che è diventata, suo malgrado, una delle giornate più drammatiche della sua vita. "Fino a mezzogiorno pioveva molto, ma comunque sembrava tutto sotto controllo" spiega. Lei vive al primo piano rialzato di una casa che si affaccia su Corso Sardegna, a pochi passi dal Bisagno, uno dei due corsi d'acqua che attraversa Genova. "A pranzo eravamo a casa, dalla finestra si vedeva molta acqua sulla strada, ma le macchine riuscivano comunque a passare."

Ma poi, "in neanche dieci, forse quindici minuti, l'acqua si è ingrossata a livelli impressionanti. E' successo tutto di colpo. Le macchine non riuscivano più ad avanzare per la corrente, c'era gente che tirava il freno a mano per non farsi trascinare via."  Alla finestra c’erano le sue amiche che l'hanno chiamata. Lei aveva in mano il cellulare e le è venuto automatico iniziare a riprendere la scena. "A un certo punto cassonetti e auto hanno iniziato a venire trascinati via. Io mi sono fatta prendere dal panico. Non avevo paura per noi, che tanto eravamo abbastanza in alto, ma per la gente che stava in strada".

Molti, infatti, non si rendevano conto della gravità della situazione. "Ho visto un signore che cercava di spostare con le mani un cassonetto che bloccava la sua macchina, mi sono messa a urlargli di andare via di là, di mettersi al sicuro, che era pericoloso." Il pericolo per loro era farsi trascinare via dalla corrente, come successo a tanti altri oggi (guarda il video).
Con il passare dei minuti però è tornato il sangue freddo e ha continuato a documentare quello che accadeva. "Vedevo motorini trascinati via. Il nostro per fortuna è rimasto incastrato tra due macchine e si è salvato". Girati i due video li ha voluto caricare prima su Youreporter e poi su Youtube ("Ho creato un account apposta").  Nel pomeriggio la situazione, almeno per quanto riguarda la sua zona, è migliorata e sono scese in campo protezione civile e forze dell'ordine.  Lei e le sue coinquiline, in ogni caso, hanno preferito restare tutto il giorno a casa. "Stamattina - spiega - avremmo avuto lezione, ma ieri sera verso le dieci era stato diramato l'allarme meteo e abbiamo preferito non uscire." Una decisione che potrebbe aver salvato loro la vita.  

Leggi tutto